laRegione
laR
 
11.10.21 - 19:13

Il centro giovani Bassa Leventina compie 50 anni

Per sottolineare il traguardo è prevista una serie di eventi aperti alla popolazione ed è stata lanciata una raccolta fondi per sostenere la sua attività

il-centro-giovani-bassa-leventina-compie-50-anni

Un punto di riferimento per i ragazzi della Valle e non solo. Il centro giovani Bassa Leventina compie cinquant’anni. «È un traguardo prestigioso», commenta Ennio Lazzarini, animatore del centro dal 2005. «Se pensiamo che da Airolo a Biasca non ci sono altri centri, possiamo dire che il nostro accoglie molti ragazzi provenienti da diversi Comuni, ed è quindi uno spazio importante e necessario». I giovani che arrivano al centro sono domiciliati in prevalenza a Bodio e nei comuni limitrofi (Pollegio, Personico e Giornico), ma a volte accade anche che ve ne siano provenienti dall’Alta Leventina, come anche dal Bellinzonese e dal resto delle Tre Valli. In prevalenza l’utenza è formata da giovani in età di Scuola media ma è anche composta da ragazzi che hanno iniziato un apprendistato o che hanno già un’occupazione professionale attiva. Questi ragazzi, che hanno già un’età che varia dai 12 ai 19 anni, riportano le loro esperienze ai nuovi ragazzi e li conducono e seguono durante molte aperture serali del venerdì e quelle pomeridiane del mercoledì e sabato. Il centro è stato un punto d’incontro presente anche durante il 2020, anno caratterizzato dal Covid-19 e da tutte le difficoltà ad esso legate. Il centro è quindi stato un porto sicuro per i giovani che si sono così potuti ritrovare in un contesto di possibilità d’incontro limitate. In questa occasione, spiega Lazzarini, si sono resi conto che i social media non possono sostituire il trovarsi fisicamente e comunicare faccia a faccia tra di loro. Il centro, che conta sul sostegno finanziario dell’Ufficio giovani cantonale e dei Comuni di Bodio, Pollegio, Personico, Giornico, Faido, Biasca, Prato Leventina e Quinto, ha pure subito gli effetti della pandemia sulle proprie finanze. A causa delle restrizioni dettate dal Covid, le consuete raccolte fondi organizzate con i ragazzi del centro, o l’affitto degli spazi interni al centro a società o a Enti locali non si sono potuti organizzare, e questo ha inciso sulle già fragili economie del centro. Ragion per cui è stata lanciata una raccolta fondi rivolta a tutti coloro che intendono sostenere la sua attività e permettere che questo cammino possa continuare (per gli interessati: Iban CH84 0900 0000 6500 6634 7).

Cenni storici

Il centro nasce nel 1971 dalle ceneri del vecchio oratorio che per varie ragioni aveva smesso di funzionare. I fondatori decisero, per motivi strategici, di organizzarsi come fondazione, affidando la gestione e la responsabilità dell’animazione a un Consiglio di fondazione che raggruppava i rappresentanti dei maggiori gruppi che utilizzavano il centro, ovvero scout, parrocchia, Comune di Bodio e scuole. L’associazione Centro giovani Bassa Leventina è stata creata nel 1971 da un gruppo di volontari guidato da don Emilio Conrad e quest’anno festeggia i cinquant’anni di esistenza continuando e rinnovando lo spirito dei suoi fondatori.

Si deve soprattutto alla lungimiranza del parroco di quegli anni, don Emilio Conrad, il fatto di aver iniziato un percorso che a quei tempi andava sicuramente contro corrente: erano infatti gli anni dei centri autogestiti e molto spesso si faceva confusione tra questi tipi di strutture e il centro. Le numerose conoscenze di don Emilio hanno permesso di procedere comunque a una prima ristrutturazione della struttura che da casa parrocchiale si trasformava in centro giovanile. In quegli anni la parola d’ordine di chi vi lavorava era “volontariato”: tutto si svolgeva basandosi sulla buona volontà, sull’impegno e sull’idealismo di utenti e amici del centro.

Eventi aperti alla popolazione

Per festeggiare questo prestigioso traguardo l’associazione invita tutta la popolazione a degli eventi (in conformità alle normative Covid-19). Il primo appuntamento è mercoledì 13 ottobre alle 18 per l’assemblea dell’associazione del centro giovani che si terrà nella sala del consiglio comunale a Personico. La riunione avrà una durata di un’ora circa e si discuterà sull’andamento del centro durante l’anno scorso, le finanze e i progetti per l’anno in corso. Venerdì 29 ottobre alle 20 è prevista la conferenza “Come dare i primi soccorsi in caso di pericolo”, che si terrà al centro giovani di Bodio. Anche questo appuntamento è aperto a tutta la popolazione ed è gratuito. La serata proposta sarà condotta da un giovane frequentatore del centro, Francisco Lachado 20enne già diplomato come operatore sociosanitario e attualmente al primo anno della scuola infermieri di Bellinzona, coadiuvato da un adulto esperto soccorritore professionista. Venerdì 19 novembre alle 20 è prevista la conferenza di Paolo Attivissimo “I social media, guida pratica al loro corretto utilizzo”, aperta ai giovani e agli adulti nella sala parrocchiale di Pollegio. Infine venerdì 28 gennaio alle 20.30 si terrà la proiezione del documentario “Al centro dei giovani” di Stefano Ferrari al centro giovani a Bodio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
3 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
4 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
5 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
5 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
7 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
7 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
8 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
10 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
12 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved