laRegione
con-la-neve-aspettiamo-anche-decisioni-chiare-da-berna
04.10.21 - 20:08
Aggiornamento : 05.10.21 - 14:29

‘Con la neve aspettiamo anche decisioni chiare da Berna’

Il presidente della Amici del Nara Sa, responsabile degli impianti, confida che le autorità federali decidano rapidamente e senza sorprese dell’ultima ora

Arriva ottobre col primo freddo autunnale e chi ha la neve nel Dna solleva lo sguardo in cerca di qualche cima imbiancata, preludio di un inverno si spera generoso di carvate. Quello passato, di inverno, alle nostre latitudini ha abbattuto diversi record quanto a precipitazioni e altezza della coltre, col paradosso di aver dovuto gestire una stagione sciatoria caratterizzata dalle molte restrizioni rese obbligatorie per contenere la pandemia. E il prossimo inverno? Pur considerando le difficoltà incontrate in Svizzera dalla campagna vaccinale, i responsabili degli impianti di risalita attendono segnali positivi dalle autorità federali e cantonali. Mentre in Italia (fra le nazioni più vaccinate) è già stato firmato il protocollo che consente di sciare a chi è dotato di green pass, con l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica negli spazi comuni e sugli impianti, da Berna mancano ancora informazioni precise. C’è attesa nelle grandi come nelle piccole stazioni. Quella del Nara, in Val di Blenio, farà il punto della situazione martedì 12 ottobre alle 20 quando al Cinema Teatro Blenio di Acquarossa la società Amici del Nara Sa, responsabile della gestione degli impianti, terrà la propria assemblea 2019/20; non ancora contabilmente chiusa, per contro, la stagione 2020/21. «Ma sarà ovviamente l’occasione – premette il presidente Matteo Milani – per gettare uno sguardo su tutte e tre le stagioni: l’inverno confrontato con la prima ondata pandemica, iniziata nel febbraio 2020, ha registrato 26mila passaggi; lo scorso inverno, nonostante le varie restrizioni in materia di ristorazione, abbiamo invece registrato ben 42mila primi passaggi; e guardando al prossimo inverno che si avvicina, siamo pronti a mettere in campo ogni sforzo per aprire in tutta sicurezza piste, impianti e ristorazione».

‘Pronti a verificare il Covid Pass’

L’auspicio, annota Matteo Milani, è che facendo tesoro dell’esperienza accumulata negli ultimi due inverni le autorità competenti «decidano per tempo norme chiare e siano lineari nelle loro valutazioni. Questo per evitare di dover preparare tutto quanto è preparabile, per poi doverlo rivedere in fretta e furia perché qualcuno cambia idea all’ultimo momento. Non vorremmo dunque dover rincorrere i problemi». Da parte degli Amici del Nara Sa «c’è la massima disponibilità - pur mettendo in conto qualche inevitabile difficoltà - a introdurre il controllo del Covid Pass, se sarà il caso anche il documento d’identità, prima della cassa e dei cancelli d’accesso alle piste». Dal canto suo il consigliere federale Berset si è finora limitato a dire che la ristorazione sulle piste dovrebbe attenersi alle stesse regole della ristorazione classica: «Anche qui ribadiamo la massima disponibilità, purché ci vengano fornite indicazioni precise. Se dovremo controllare i pass lo faremo, se dovremo mantenere distanze accresciute idem; di certo non abbandoneremo il servizio take-away, molto gradito specialmente nelle giornate soleggiate, e lo riproporremo in forma diversa. Lo scorso inverno ci siamo impegnati a predisporre una ristorazione diffusa rispettando rigorosamente le regole; e l’utenza ci ha premiato divertendosi in sicurezza. Confidiamo di poter fare altrettanto nei prossimi mesi». Per finire, pur prevedendo costi maggiori dovuti alle misure di verifica, controllo e gestione del comprensorio, le tariffe rimarranno invariate e identiche a quelle del 2020/21. Per la partecipazione all’assemblea del 12 ottobre è richiesto un certificato covid (vaccinazione o tampone); a seguire verrà offerto un rinfresco accompagnato da una castagnata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autorità federali berna impianti inverno matteo milani nara neve presidente
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
15 ore
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
17 ore
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
20 ore
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior
Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne
Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior
‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’
La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior
‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’
Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior
Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’
A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior
E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues
Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior
Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni
L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior
Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar
La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
© Regiopress, All rights reserved