laRegione
rustici-la-voglia-di-affittare-si-scontra-con-la-lex-weber
Ti-Press (foto d'archivio)
laR
 
29.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 08:42

Rustici, la voglia di affittare si scontra con la Lex Weber

Alto Ticino: mentre l’Otr invita i proprietari ad affittare i rustici, la legge federale frena in alcuni casi chi vorrebbe ristrutturare e locare

“Proprietari di rustici fatevi avanti”. È questo, in estrema sintesi, l’invito espresso settimana scorsa dall’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) rivolto a chi possiede questo tipo di abitazione in Valle di Blenio per il quale la domanda di affitto come casa di vacanza supera l’offerta. L’obiettivo è quindi mettere a disposizione nuove strutture ricettive per cercare di soddisfare una richiesta sempre più in crescita. Nel progetto crede anche l’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli che ha deciso di sostenere finanziariamente la strategia elaborata dall’Otr-Bat stanziando, come incentivo, ai primi 25 proprietari privati che aderiranno all’iniziativa un contributo destinato al rinnovo o all’ammodernamento del proprio rustico. Ci sono però anche proprietari di immobili di questo genere che già sarebbero intenzionati a mettere sul mercato la propria struttura ma che per vari motivi non possono farlo.

Licenza edilizia negata dal Cantone

È il caso di un abitante di Serravalle che desidera condividere la sua esperienza: «Da un anno vorrei mettere mano al mio rustico situato a Semione proprio accanto alla mia abitazione primaria, ma non sono ancora riuscito a muovere un mattone», ci spiega. L’intenzione era di riattare il vecchio edificio per affittarlo in primavera e in estate. La licenza edilizia relativa alla domanda di costruzione per riattare e cambiarne destinazione in affittacamere è però stata negata dal Cantone, poiché in contrasto con le norme della Legge federale sulle residenze secondarie. La ‘Lex Weber’ – il cui nome si rifà al basilese Franz Weber noto per le sue battaglie ambientaliste fra cui quella contro la crescente cementificazione – è entrata in vigore nel 2016 e prevede che nei Comuni in cui la quota di abitazioni secondarie supera il 20 per cento del totale non possono esserne autorizzate di nuove. Com’è il caso a Serravalle.

Se il tetto non è originale...

Vi sono però altre possibilità: anche se la quota è superata, nuove residenze secondarie possono essere autorizzate e realizzate se utilizzate successivamente come abitazioni primarie o sfruttate per scopi turistici. Ma per essere usato a scopi turistici, il rustico deve trovarsi nello stesso edificio in cui il proprietario ha il proprio domicilio principale. Nel caso esposto dal nostro interlocutore, ciò non è possibile perché i proprietari non risiedono nel rustico ma nella casa vicina che non è fisicamente collegata ad esso. Altra possibilità: nei Comuni in cui la quota di residenze secondarie supera il 20 per cento si possono autorizzare nuove abitazioni senza limitazione d’uso qualora siano edifici protetti o tipici del sito, tuttavia all’interno delle zone edificabili. Nel caso in questione – spiega l’Ufficio delle domande di costruzione del Cantone – questo non è possibile poiché in passato l’edificio è stato oggetto di interventi edilizi che “ne hanno compromesso il valore originale”. In particolare si riferisce alla modifica della forma del tetto e del materiale di copertura, così come all’installazione di un impianto fotovoltaico; lavori eseguiti dal precedente proprietario.

Il rovescio della medaglia

«Non sono l’unico a trovarmi in questa situazione», annota il nostro interlocutore: «Nella zona conosco persone che possiedono diversi immobili. Vorrebbero riattarli per affittarli, ma non possono farlo perché la legge glielo impedisce». Riassumendo: se da un lato c’è chi sollecita i proprietari affinché affittino i loro rustici, dall’altro una legge federale entrata in vigore cinque anni fa frena taluni proprietari intenzionati a ristrutturare e affittare. Da noi interpellato Juri Clericetti, direttore dell’Otr-Bat, dice di essere a conoscenza di casi simili. Tuttavia precisa che il progetto lanciato settimana scorsa dall’Otr si rivolge a proprietari di edifici che possono essere messi subito a disposizione. «Comunque, se fosse possibile ristrutturare altri immobili e poi metterli sul mercato, questo sarebbe sicuramente positivo anche per il nostro progetto e aiuterebbe a svilupparlo ulteriormente», riconosce.

Il direttore dell’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli, Manuel Cereda, spiega di essere a conoscenza del tema ma, annota, si tratta di una questione politica: «A titolo personale posso però dire che più rustici si valorizzano e vengono messi sul mercato in affitto, meglio si valorizza il territorio anche dal punto di vista turistico. Perché una maggiore offerta crea un indotto economico a beneficio della collettività». L’obiettivo nobile della ‘Lex Weber’, votata dal popolo per preservare specialmente le zone turistiche e alpine dall’invasione del cemento, finisce dunque per creare risultati contrari alla stessa preservazione del territorio, lasciando talvolta sul terreno rustici malandati e inutilizzati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alto ticino legge federale lex weber rustici valle blenio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
45 min
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dell’aggregazione e i 600 della battaglia
Luganese
53 min
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
1 ora
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscito di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
1 ora
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio emanate oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
1 ora
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri cantoni
Bellinzonese
2 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
7 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
Mendrisiotto
7 ore
Mendrisiotto, turismo ‘green’ lungo i parchi insubrici
’Insubriparks’ è una nuova piattaforma che porta alla scoperta di cinque bellezze naturalistiche tra Svizzera e Italia
Ticino
7 ore
Il mercato dell’auto resta ammaccato
Si sperava di risolvere i problemi di fornitura entro il primo semestre di quest’anno: niente da fare. E anche l’usato scarseggia
Luganese
14 ore
Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti
I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
© Regiopress, All rights reserved