laRegione
14.09.21 - 17:24
Aggiornamento: 17:55

Edificazioni in collina a Bellinzona, tutto regolare?

I Verdi in un’interpellanza chiedono al Municipio perché ha approvato un progetto abitativo in via Artore, quando nel 2015 uno simile era stato annullato

edificazioni-in-collina-a-bellinzona-tutto-regolare
archivio Ti-Press
Le quattro case di tre piani sono previste tra i castelli di Montebello e Sasso Corbaro

In via Artore a Bellinzona, tra il castello di Montebello e quello di Sasso Corbaro, è prevista la costruzione di quattro case di tre appartamenti con un’autorimessa in comune. Un progetto, autorizzato dal Municipio, che i Verdi, in un’interpellanza, contestano, dubitando del fatto che siano state rispettate le norme di legge, in particolare a protezione del paesaggio, della natura e dei beni culturali. Infatti, nello stesso luogo, nel 2015 il Consiglio di Stato aveva annullato la licenza edilizia per la costruzione di tre edifici di tre piani, visto che il progetto (atipico “rispetto al tessuto caratteristico della zona”) ledeva “il quadro normativo applicabile che mira essenzialmente alla conservazione delle caratteristiche dei luoghi”. Il governo cantonale aveva anche sottolineato che “l’obbiettivo principale dei perimetri nella parte collinare è quello di conservare l’isolamento e il carattere emergente dei monumenti che ancora oggi spiccano, per la loro imponenza, nel paesaggio (Castelli)”. La decisione era poi stata confermata anche dal Tribunale amministrativo cantonale e dal Tribunale federale. Insomma, stando al partito ecologista, “dalle conclusioni del CdS, confermate poi da Tram e da Tf, si evince chiaramente che la licenza edilizia per la costruzione di 3 edifici di tre piani ciascuno con autorimessa comune semi-interrata è stata bocciata per lacune nelle motivazioni date” dagli uffici cantonali competenti, “così come per l’impatto palesemente non conforme ai criteri di un inserimento ordinato e armonioso nel paesaggio e alle norme del perimetro di protezione dei beni culturali del complesso immobiliare”. Ora i Verdi si chiedono quindi come sia possibile che, a seguito di queste decisioni, il Municipio abbia autorizzato un progetto che prevede “addirittura 4 edifici di 3 piani ciascuno”. I consiglieri comunali Marco Noi, Giulia Petralli e Ronnie David domandano dunque, fra l’altro, all’esecutivo cittadino “di chi era la competenza di valutare la conformità ai criteri per un inserimento paesaggistico ordinato e armonioso, così come di valutare il rispetto delle norme della zona di protezione dei beni culturali” per quanto riguarda la nuova licenza edilizia approvata nel maggio del 2020. Chiedono inoltre se “il Municipio è sempre ancora convinto che il progetto ora in edificazione sia conforme” alle norme vigenti. Stando ai Verdi il progetto attuale è stato approvato anche grazie a “una vera e propria ‘Salamitaktik’ costruita ad arte”. Infatti, dopo l’annullamento della licenza edilizia nel 2015, il nuovo progetto è stato “spezzettato” in cinque tappe spalmate su più anni, “con avvisi di pubblicazione fuorvianti o comunque non chiari”. “Con questa frammentazione dell’iter procedurale e avvisi di pubblicazione come detto fuorvianti che costringono i cittadini portatori d’interesse da difendere a salti mortali per recarsi ben 5 volte su appuntamento al mal servito ufficio tecnico di Gorduno per poter esercitare il loro diritto con l’eventuale opposizione, non ritiene forse il Municipio che tale diritto venga notevolmente pregiudicato se non quasi impedito?”. Infine, Noi, Petralli e David chiedono anche se non “sia opportuna la creazione di una competente commissione consultiva” che valuti “al meglio a livello comunale (qualora la competenza non sia del Cantone) la conformità dei progetti alle norme di protezione del paesaggio, della natura e dei beni culturali”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
4 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
4 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
4 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
13 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
15 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
15 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
16 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
17 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
17 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
© Regiopress, All rights reserved