laRegione
08.09.21 - 12:38
Aggiornamento: 14:24

Fa ancora bello e caldo, perché chiudere il Bagno pubblico?

I Verdi di Bellinzona chiedono lumi al Municipio e sollecitano l'Ente sport affinché dia prova di maggiore elasticità

fa-ancora-bello-e-caldo-perche-chiudere-il-bagno-pubblico
Ti-Press

L’Ente Bellinzona Sport “dovrebbe dimostrare maggiore flessibilità e iniziativa per garantire un migliore svago e attività sportive ai cittadini così come un uso più adeguato delle risorse pubbliche”. Detta in altre parole, non va giù che per l’ennesima volta sia stato chiuso il Bagno pubblico domenica 5 settembre e aperta la piscina coperta lunedì 6, quando la meteo regala ancora belle giornate che invogliano più persone e scuole a nuotare all’aria aperta, mentre l’offerta al chiuso non sembra attirare che “qualche irriducibile nuotatore”. A evidenziare il problema sono i consiglieri comunali Verdi Ronald David, Giulia Petralli e Marco Noi che in un’interpellanza al Municipio pongono una serie di domande. Anzitutto, non ritiene che la stagione di balneazione alla piscina esterna possa prolungarsi oltre il 5 settembre? Come mai una valutazione sulla chiusura non può essere fatta con corto preavviso e prolungata a seguito di condizioni meteo particolarmente favorevoli? Come valuta la possibilità di una apertura contemporanea della piscina interna ed esterna? Quali i costi supplementari e quali i limiti? Negli ultimi anni il Comune ha investito tanto per risanare il Bagno pubblico che progressivamente sta perdendo tuttavia parecchie entrate rispetto agli anni d’oro, quando i turisti provenivano persino da oltre confine: quale strategia intende attuare il Municipio per ridare slancio a una struttura in perdita di velocità? Quali investimenti e quali iniziative? Quali strategie intende adottare per ridurre la dipendenza dalla meteo? 

La chiusura ‘precoce’ del Bagno pubblico era già stata sollevata in passato da alcuni consiglieri comunali che evidenziando quanto veniva invece fatto da altre strutture della Svizzera italiana e della ben più fredda Svizzera tedesca. Il Municipio – ricordano i tre interpellanti – in passato aveva giustificato questo fatto con l’impossibilità di un’apertura contemporanea della piscina esterna con quella interna che condividevano alcune strutture (come le casse). Considerando le oltre 10mila entrate in meno registrate questa piovosa estate al Bagno pubblico rispetto a quella del 2019, e visto anche il disavanzo di 300mila franchi che si palesa già ora nel 2021 dell’Ente Sport, i Verdi sollecitano una gestione più elastica di quelle strutture che richiedono importanti costi di gestione ma che sono al contempo in grado di generare interessanti introiti.

Leggi anche:

Bagno pubblico di Bellinzona, persi oltre 60mila franchi

Bellinzona Sport vede rosso: disavanzo di 300’000 franchi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
7 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
8 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
9 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
9 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
10 ore
Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’
Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Mendrisiotto
11 ore
Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito
Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
12 ore
Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese
La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
14 ore
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
© Regiopress, All rights reserved