laRegione
18.08.21 - 16:07
Aggiornamento: 18:05

Bodio, concorso per riqualificare l’area della Vecchia Biaschina

I gruppi interessati alla preselezione sono invitati a presentare le proprie candidature all’Azienda elettrica ticinese entro venerdì 3 settembre

bodio-concorso-per-riqualificare-l-area-della-vecchia-biaschina
La centrale idroelettrica nella zona industriale (foto: Mattei/archivio Aet)

L’Azienda elettrica ticinese (Aet) ha indetto un concorso di progetto per la riqualifica dell’area della sua (ex) centrale idroelettrica Vecchia Biaschina nella zona industriale di Bodio. “Il termine per la domanda di partecipazione alla fase di prequalifica scade il prossimo 3 settembre”, si legge in un comunicato. Il progetto prevede la sistemazione dell'intera area, con il rinnovo di stabili storici, nuove edificazioni e la valorizzazione di tutti gli spazi esterni. Il concorso è destinato a gruppi di lavoro interdisciplinari composti da architetti, ingegneri e specialisti nell’ambito delle costruzioni. Il bando è stato pubblicato sul Foglio ufficiale del Cantone Ticino lo scorso 30 luglio ed è consultabile sul sito simap.ch (Concorso di progetto per gruppo mandatario interdisciplinare, con procedura selettiva, per la progettazione del riordino comparto Aet di Bodio). “AET auspica con questo concorso di dar vita a un progetto che sappia valorizzare l’eredità storica del luogo, coniugandola  con le esigenze dei suoi attuali utenti”.

Progetto volto a completare l’opera di riqualifica del comparto

“Costruita tra il 1906 e il 1911 e mantenuta in esercizio fino al 1988, la Vecchia Biaschina di Bodio è stata la prima grande centrale idroelettrica realizzata lungo il fiume Ticino in Leventina”, si precisa nella nota. “Attorno ad essa si è sviluppata l’area industriale della bassa valle e con il suo riscatto nel 1958 ebbe inizio la storia dell’Azienda elettrica ticinese. Oggi lo storico edificio ospita l’officina meccanica di Aet e negli stabili che lo circondano si concentra parte delle attività che l’azienda svolge in Leventina. Nel 2017 Aet ha deciso di dare un nuovo impulso al comparto insediandovi una serie di attività didattiche: il Campus formativo Bodio (centro di formazione per apprendisti creato in collaborazione con le principali realtà industriali operanti nella regione); il centro di formazione continua e per apprendisti di Elettricità della Svizzera italiana (Esi); e di recente il centro di formazione per apprendisti dell’Associazione industrie metalmeccaniche ticinesi (Ameti). Lo sviluppo delle attività didattiche è stato accompagnato dalla ristrutturazione e dall’ampliamento di alcuni stabili. Oggi l’area dispone di aule per la didattica, laboratori e una mensa in grado di soddisfare le necessità di oltre 50 studenti”. Il concorso è quindi stato indetto per “completare l’opera di riqualifica del comparto”. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
4 min
La strada della Calanca riapre già oggi alle 17
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
32 min
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
5 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
10 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
10 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
18 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
18 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
19 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
20 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
20 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
© Regiopress, All rights reserved