laRegione
09.07.21 - 12:24
Aggiornamento: 15:27

Polveri di legno: l’Mps attacca, Congefi si dice a posto

Giubiasco: interrogazione al governo lamenta un ‘grave inquinamento atmosferico’ con la triturazione; la ditta replica alle accuse e spiega come opera

polveri-di-legno-l-mps-attacca-congefi-si-dice-a-posto
L'apparecchio tritura all'interno del capannone il legname da riciclare (foto Congefi)

Quartiere Seghezzone di Giubiasco ancora sotto i riflettori: dopo le puzze degli scorsi anni – nel frattempo diminuite, ma non del tutto sparite, con la fine della gestione degli scarti verdi all'aperto – ora è il turno della polvere di legno. Questo almeno secondo il Movimento per il socialismo che con un'interrogazione al Consiglio di Stato punta il dito contro la ditta Congefi attiva nel riciclaggio di materiali di vario genere, anche legname. “Tramite un apposito macinatore mobile Congefi tritura finemente a cielo aperto tonnellate di scarti di legno che vengono infine conferiti all’adiacente termovalorizzatore quale combustibile”, attaccano i deputati Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori. Da noi interpellato, il direttore della ditta Gilberto Gheza corregge subito il tiro già su questo primo punto, spiegando che la triturazione «avviene non all'aria aperta ma all'interno del nostro capannone. Vero è che il materiale destinato a essere riutilizzato viene provvisoriamente stoccato all'esterno, ma sotto una tettoia e debitamente inumidito per evitare che si sollevi della polvere. Materiale che viene poi caricato su camion e ritirato da due ditte di Lucerna e nord Italia specializzate nella produzione di pannelli compensati per mobili da cucina e bagno. Visto questo tipo di riutilizzo, si tratta di legname di scarto privo di inquinanti. Altro tipo di legname, come vecchie traversine della ferrovia o pali della luce a suo tempo trattati per resistere alle intemperie, vengono pure da noi triturati ma poi destinati al vicino inceneritore insieme ai cosiddetti rifiuti ingombranti raccolti in varie località del Ticino». Detto ciò, Gheza afferma di sentirsi tranquillo, aggiungendo che in caso contrario «la mia famiglia non abiterebbe nello stabilimento e io non avrei costruito la mia casa nelle immediate vicinanze».

‘Nessun rimprovero dal Cantone’

Dal canto suo l'Mps sostiene che “nell’adiacente quartiere residenziale Seghezzone, e non solo, da parecchi anni si depositano ovunque, all’esterno come pure all’interno delle abitazioni, polveri fini color giallo ocra, ben visibili a occhio nudo. Diversi video ripresi da cittadini testimoniano inequivocabilmente che le polveri in questione provengono dall’impianto di macinazione del legname di scarto della ditta Congefi”. Anche su questo punto Gilberto Gheza evidenzia di operare ormai da anni in base a regolare autorizzazione cantonale e di aver ricevuto, due mesi fa, una visita di controllo del capo Ufficio rifiuti e siti inquinati probabilmente intervenuto a seguito di reclamazioni su questo tema: «Abbiamo dimostrato di operare nel pieno rispetto delle leggi e nulla ci è stato rimproverato, né ci è stato imposto di modificare il tipo di lavorazione», annota il direttore della ditta: «Per contro, si può presumere che la polvere sollevata e all'origine di probabili lamentele possa arrivare da taluni cantieri edili attualmente presenti in zona, compreso il nostro avviato per ampliare l'attività e debitamente asfaltare l'area esterna».  

Gli interrogativi

L'Mps sottopone dal canto suo una ventina di domande al governo chiedendo lumi sul tipo di lavorazione effettuata dalla Congefi, se questa sia all'origine della dispersione di polveri fini e di sostanze tossiche e nocive considerato che “gli scarti di legno depositati e triturati all’aperto contengono sostanze classificate quali chimiche di scarto della classe 1 con pitture e vernici, adesivi e sigillanti bifenili policlorurati e idrocarburi aromatici policiclici”. Domande preoccupate concernono quindi l'aria respirata dagli abitanti del vicino quartiere e la vicinanza della fabbrica di cioccolato Stella, ciò che spinge l'Mps a chiedere che il legname venga triturato in un capannone chiuso e dotato di appositi filtri antiparticolato, anche per salvaguardare la salute degli operai. Viene infine anche chiesto se l’area di deposito intermedio delle cataste di legname di scarto della Congefi sia provvista di rivestimento impermeabile e di regolare canalizzazione per le acque di scarto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
2 ore
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
2 ore
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
4 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
4 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
7 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
7 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
15 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
17 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
17 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved