laRegione
01.07.21 - 07:42
Aggiornamento: 10:55

Volano gli stracci in Consiglio comunale a Bellinzona

Seduta turbolenta e rissosa sul finale quando il municipale Soldini non ha risposto a un'interpellanza Mps. Si riprende stasera, sempre a porte chiuse

volano-gli-stracci-in-consiglio-comunale-a-bellinzona

Sono letteralmente volati gli stracci ieri sera, anzi questa notte, a Palazzo Civico durante la prima serata di rientro del Consiglio comunale di Bellinzona nella sua sede ufficiale, dopo essersi riunitosi diversi mesi nella palestra del Ciossetto di Sementina per poter rispettare il distanziamento sociale. Una serata, la seconda del legislativo cittadino eletto lo scorso aprile, voluta a porte chiuse, presente solo la stampa, per l’impossibilità fisica di accogliere del pubblico (solitamente pochissime persone) vista la distanza accresciuta imposta fra un banco e l’altro.

Erano le 23 e 10 quando, superato di 10 minuti il canonico orario che per regolamento indica la fine dei lavori e la necessità di rinviare quanto resta al giorno o seduta successivi, a stretta maggioranza per due soli voti il plenum ha deciso di proseguire con le risposte alle interpellanze. In agenda ce n’erano venti e già la sola discussione se proseguire o fermarsi ha richiesto oltre mezz’ora e una sospensione per consentire al gruppo Verdi/Fa/Mps/Pop di ragionare sul da farsi. Fatto sta che da mezzanotte e mezza in avanti i toni si sono accesi. Fra chi sostiene che l’ambiente sia degenerato e chi ritiene invece che l’esercizio abbia finalmente condotto le parti contrapposte a un sano confronto dialettico, dopo l’ennesima discussione su stare o andare ha prevalso la critica mossa da Margot Broggini, neo consigliera Ppd dichiaratasi scandalizzata per la piega presa dal dibattito e soprattutto per la poca considerazione riservata dalla sala (in particolare chi pensava di poter tagliar corto, vista l’ora piccola) al capitolo interpellanze. Le ha dato man forte l'ex sindaco Brenno Martignoni (Udc) che ritenendo «indecente questo spettacolo» e palesando anche il «rischio di andare incontro a problemi istituzionali» ha sollecitato il presidente del Cc Renato Dotta a prendere in mano la situazione caldeggiando la prosecuzione in altra data della discussione. Anche per l’importanza di alcuni temi trattati (si pensi, ancora una volta, ai decessi per Covid nella casa anziani di Sementina), il dibattito avrebbe insomma necessitato un’apposita serata. E così sarà. Per sfinimento, verso l’una e un quarto il presidente Dotta, preso fra più fuochi, ha finalmente imposto il rinvio delle successive risposte a questa sera.

La baruffa Soldini-Pronzini

Ad accendere gli animi, sul finale, è stata l’insistenza del rappresentante Mps Matteo Pronzini affinché il municipale Giorgio Soldini rispondesse all’interpellanza su un collaboratore della casa anziani Mesolcina che secondo il consigliere sarebbe stato licenziato, mentre lo stesso Soldini rispondendo il 18 maggio alla ‘Regione’ lo ha dato come trasferito con contratto a termine prolungato. Ma Soldini si è rifiutato di rispondere in sala fintanto che Pronzini non avesse ripresentato l’interpellanza con toni meno duri e ingiuriosi. Ne è nata una baruffa che ha monopolizzato la seduta per un quarto d’ora. Visibilmente stufi, alcuni consiglieri han tolto le tende anzitempo. Altri han cercato di indicare soluzioni di compromesso. Altri, fra un coro ‘divertito’ e l’altro, non l’han mandata a dire a Pronzini. Il quale, scafato da anni di Gran Consiglio e sempre pronto a difendere il diritto a fare vera opposizione, ha avuto gioco facile in un legislativo abituato alla pacatezza e a qualche saltuaria scintilla. Ed era, ricordiamo, soltanto la seconda seduta della nuova legislatura.

Leggi anche:

Ente Bellinzona Sport: tutti promossi, pure Gobbi

Infermiere licenziato a Bellinzona? No, trasferito

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
34 min
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
35 min
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 ora
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
2 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
2 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
4 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
4 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
5 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
5 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
10 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved