laRegione
laR
 
30.06.21 - 05:15

I posteggi in Piazza Governo a Bellinzona sono ‘necessari’

Quello degli stalli pubblici è un tema sensibile. Per il vicesindaco Gianini bisogna ‘trovare il giusto equilibrio tra parcheggi, bus e pedoni’.

i-posteggi-in-piazza-governo-a-bellinzona-sono-necessari
Tra poco dovrebbe diventare una zona d'incontro a 20 km/h (Ti-Press)

Piazza Governo a Bellinzona dovrebbe presto diventare una cosiddetta ‘Zona d’incontro a 20 km/h’. Il relativo messaggio municipale sarà trasmesso prossimamente al Consiglio Comunale. «L’obiettivo è quello di rendere più attrattiva la piazza per pedoni ed esercizi pubblici, perdendo il minor numero possibile di parcheggi», spiega a ‘laRegione’ Simone Gianini, capodicastero territorio e mobilità. E proprio quello dei posteggi è un tema che divide: da un lato la tendenza è quella di promuovere sempre di più il trasporto pubblico, dall’altro vi sono in particolare i commercianti che li ritengono essenziali per permettere ai loro clienti di sostare nelle immediate vicinanze dei negozi. Insomma, per alcune persone ve ne sono troppi, mentre per altre troppo pochi. La soluzione? «Bisogna trovare il giusto equilibrio fra visioni che non sempre collimano», afferma il vicesindaco. Insomma il compito, di certo non facile, è quello di trovare la giusta armonia «tra l’offerta di posteggi e quella del trasporto pubblico, senza dimenticare la sicurezza e la vivibilità di un determinato comparto».

Un equilibrio che secondo il Municipio non sarebbe ora garantito con una totale pedonalizzazione (e quindi con la rinuncia a una cinquantina di posteggi) di Piazza Governo, come avevano chiesto in più di un’occasione i Verdi tramite mozione. Mozione che nel maggio del 2020 era stata nuovamente respinta in Consiglio comunale e che aveva sempre raccolto la contrarietà dell’esecutivo cittadino. «Per ora abbiamo deciso di non accogliere la proposta di pedonalizzazione completa della piazza», conferma Gianini. «Tuttavia, nell’ottica di una vivibilità e fruibilità sicura prevediamo di riorganizzarla come zona a 20 km/h». Un progetto che mira ad andare incontro alle diverse esigenze della cittadinanza, con anche l’obiettivo «di favorire la circolazione del trasporto pubblico».

'Bellinzona e Giubiasco sono luoghi sensibili'

Infatti sia il centro di Bellinzona, sia quello di Giubiasco «sono luoghi sensibili per la presenza importante di commerci locali», sottolinea Gianini. E le due associazioni dei commercianti fanno regolarmente notare come «la possibilità di stallo nelle vicinanze sia un atout importante per la loro attività». Anche un sistema di trasporto pubblico efficace e con frequenze elevate può sicuramente essere vantaggioso per commercianti ed esercenti, ma delle alternative sono – secondo le associazioni e il Municipio – ancora necessarie. Bisogna quindi trovare «un equilibrio tra la promozione del trasporto pubblico, così come della mobilità dolce e la libertà di scelta del mezzo di trasporto, a seconda del bisogno concreto, con la conseguente necessità pure di un numero di parcheggi adeguato», ribadisce il capodicastero.

Mancanza di parcheggi a Gorduno, Preonzo e Camorino

La necessità di posteggi, così come la propensione all’utilizzo del trasporto pubblico, variano ovviamente a dipendenza della zona. In questo senso sono in corso gli studi nei vari quartieri preconizzati dal Programma d’azione comunale (Pac) per verificare il fabbisogno di stalli pubblici, considerando ad esempio le attività commerciali presenti nel comparto e il numero di parcheggi già disponibili. E alcune verifiche sono già terminate: «A Gorduno, Preonzo e Camorino è effettivamente risultato che vi è una mancanza di posteggi». Quindi come si sta muovendo il Municipio? «Ci sono diverse possibilità e ci muoveremo su più fronti. Innanzitutto, miriamo in primo luogo a incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico e della mobilità lenta, in particolare quella ciclabile (come la rete ciclabile). Sussidiariamente, prevediamo poi di creare gli stalli necessari, eventualmente riordinando alcune situazioni: a Preonzo prossimamente dovrebbe essere realizzato un nuovo parcheggio pubblico nella zona delle Scuole elementari e stiamo progettando la possibilità di fare lo stesso anche a Gorduno, così come in centro paese a Camorino, come da piano regolatore in approvazione presso il Consiglio di Stato».

Autorizzazioni più restrittive per i funzionari dal 2022

D’altro canto, per dare il buon esempio e venire incontro alle sollecitazioni della cittadinanza, «dal 1° gennaio 2022 verrà implementata una regolamentazione più limitativa per la concessione di autorizzazioni di parcheggio in stalli pubblici ai funzionari». In altre parole il Comune renderà meno attrattivo l’utilizzo di posteggi pubblici da parte dei dipendenti comunali, promuovendo l’utilizzo del trasporto pubblico «anche con incentivi molto interessanti». E questo con lo scopo di «garantire ai cittadini un numero maggiore di parcheggi liberi rispetto a oggi», vista l’attuale situazione di sovraoccupazione degli stalli pubblici «in particolare a Monte Carasso e a Camorino».

E infatti un numero sufficiente di posteggi è specialmente richiesto proprio nelle zone periferiche: rispetto al centro città la frequenza dei bus, pur se molto migliorata rispetto al passato, è meno elevata. «Laddove il potenziale di utenza è ridotto, per una evidente questione di costo del servizio, ci sono anche dei limiti finanziari al potenziamento possibile», spiega Gianini. Tuttavia, «cerchiamo di soddisfare al massimo le esigenze, in particolare dei pendolari, anche nelle zone più discoste: ricordo ad esempio il recente potenziamento in valle Morobbia, così come l’introduzione di una nuova linea che serve anche le zone collinari di Camorino (Vigana) e Sant’Antonino (Paiardi)». Inoltre, «negli ultimi 6 anni c’è stato un massiccio potenziamento generale del nostro trasporto pubblico (su alcune linee l’offerta è stata addirittura triplicata), tanto che prima della pandemia avevamo già quasi raggiunto il raddoppio dei passeggeri trasportati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
2 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
3 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
3 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
4 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
4 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
5 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
5 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
6 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
7 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved