laRegione
assolto-in-via-definitiva-l-imprenditore-di-cresciano
Posteggiati da tre anni al punto franco di Chiasso: smantellati e innocui
Bellinzonese
24.06.21 - 12:580
Aggiornamento : 17:26

Assolto in via definitiva l’imprenditore di Cresciano

Importazione di ex elicotteri militari italiani: la Procura federale rinuncia a ricorrere al Tribunale federale dopo il proscioglimento in Appello al Tpf

Caso definitivamente chiuso e archiviato. Il Ministero pubblico della Confederazione ha rinunciato a ricorrere al Tribunale federale contro il proscioglimento dell'imprenditore 56enne di Cresciano accusato di tentata infrazione alla Legge sul materiale bellico per aver importato dall’Italia due elicotteri militari in disuso senza farne debita richiesta alla Segreteria di stato per l’economia (Seco). Diventa così definitiva la sentenza pronunciata oralmente lo scorso 25 settembre, e motivata per iscritto il 5 maggio 2021, dalla Corte d’appello del Tribunale penale federale di Bellinzona (Tpf) che ha respinto il ricorso interposto nel 2019 dal procuratore federale Sergio Mastroianni dopo l’assoluzione decisa in primo grado dalla corte penale dello stesso Tpf.

10 milioni per farli nuovamente volare

Contrariamente alla tesi accusatoria, i giudici di primo e secondo grado hanno chiaramente stabilito che i due velivoli, modello Agusta Bell 212 Asw, non erano affatto pronti all’uso, tanto meno militare, a meno che si procedesse con lunghe e onerose elaborazioni – stimate da un esperto nell’ordine di una decina di milioni di franchi – vista la totale assenza di motori, equipaggiamenti e armamenti. La Marina militare italiana prima di metterli all’asta nel 2018 li aveva infatti smantellati e demilitarizzati. E d’altronde l'imprenditore intendeva rivendere le carlinghe all'industria cinematografica che li avrebbe usati (in maniera statica, senza farli alzare in volo) per girare delle scene. Alla fine la Corte d’appello presieduta dalla giudice Claudia Solcà ha ordinato il dissequestro delle celle d’elicottero depositate al punto franco di Chiasso.

Al foro civile risarcimento danni per 134mila franchi

Sempre in Appello l’imprenditore rivierasco, patrocinato dall’avvocato Filippo Gianoni, ha chiesto ma non ottenuto un indennizzo per torto morale di 20mila franchi e un risarcimento per mancato guadagno a seguito dell’azione penale per 134mila franchi. Nel secondo caso la pretesa sarà inoltrata al foro civile ritenendo il 56enne di aver subìto un concreto danno economico. La Corte d’appello ha infine addossato alla Confederazione 5mila franchi di spese processuali e 10mila franchi di spese legali. Tutto questo a fronte di una proposta di pena pecuniaria esigua, che la Procura federale, infine sconfessata, aveva fissato in 20 aliquote giornaliere da 30 franchi, ossia 600 franchi.

I precedenti penali

Già in passato, ricordiamo, il 56enne aveva avuto storie con la giustizia penale. Nell'ottobre 2017 era stato riconosciuto colpevole di infrazione alla Legge federale sul controllo dei beni utilizzabili a fini civili e militari, ma prosciolto dall’altra accusa, più pesante, mossagli dalla Procura federale di aver violato la Legge sul materiale bellico. I fatti allora imputatigli (per i quali era risultato innocente) risalivano al 2007 e 2008 quando fece transitare dal punti franchi di Cadenazzo e Ginevra cannocchiali di puntamento per fucili provenienti dall’Italia con destinazione Iran; condannato invece per l’esportazione dal punto franco di Chiasso, anche in quel caso senza autorizzazione, di materiale per immersioni subacquee, con destinazione Emirati Arabi Uniti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’
Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
3 ore
Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’
Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Bellinzonese
5 ore
Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia
Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Ticino
6 ore
Centrale comune d’allarme: gli inquilini ora ci sono tutti
Dallo scorso aprile alla Cecal vengono gestite anche le chiamate al 144. ‘Oggi è un centro di competenze per gli enti di primo intervento, un unicum in Svizzera’
Luganese
6 ore
Rarità allo Zoo di Neggio: nati tre cuccioli di nasua albini
I piccoli sono nati lo scorso 31 maggio. La cucciolata è composta da cinque esemplari: tre albini come il papà e due no, come la mamma
Bellinzonese
7 ore
Caso targhe, Gobbi su Orlandi: ‘Era stato assunto regolarmente’
Il consigliere di Stato risponde infastidito all’Mps assicurando che il funzionario ‘non aveva con me alcun legame e non era mio corregionale’
Bellinzonese
7 ore
Vandalizzata la filiale Ubs di Bellinzona
Danneggiati tre vetri della sede di Largo Elvezia. La polizia ha nel frattempo individuato il giovane autore
Bellinzonese
8 ore
Luce verde ai 43,42 milioni per il nuovo Pretorio di Bellinzona
Il Gran Consiglio ha approvato con 74 sì, zero no e 4 astenuti la richiesta di credito per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio in via Franscini
Locarnese
8 ore
‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo
Giallo di Muralto, la richiesta di pena per il 32enne imputato giunge dalla procuratrice Canonica Alexakis dopo oltre 5 ore di requisitoria
Lugano
8 ore
Vicesindaco, Lombardi: ‘Sul tavolo ci sono sei nomi’
L’esponente popolardemocratico e capo del Dicastero dello sviluppo territoriale a Lugano parla per il vice di Michele Foletti di una soluzione ‘consensuale’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile