laRegione
scontri-alla-valascia-altro-tifoso-colpevole-di-sommossa
Bellinzonese
14.06.21 - 19:190
Aggiornamento : 19:37

Scontri alla Valascia, altro tifoso colpevole di sommossa

Si chiude con una condanna la parte della vicenda giudiziaria trattata alle Correzionali. Pena pecuniaria sospesa per un 44enne supporter biancoblù

Ha partecipato in maniera attiva agli scontri, pur se non ha raggiunto i picchi di aggressività di altri tifosi. E anche se spinto dall'asserito pretesto di difendere le altre persone, il suo intervento non era necessario. «La sua presenza – ha aggiunto la giudice Francesca Verda Chiocchetti prima di pronunciare la sentenza – non ha giovato a preservare l’incolumità degli spettatori, ma ha infoltito un gruppo che la polizia stava cercando di separare». Non ci sono evidenze che possano configurare il reato di violenza o minaccia contro le autorità (per questo una pena più lieve rispetto a quanto proposto dalla pubblica accusa), ma è comunque colpevole del reato di sommossa il 44enne supporter dell'Ambrì Piotta coinvolto nei tafferugli della Valascia del 14 gennaio 2018 prima e dopo la sfida tra Hcap e Losanna. Pur evidenziando che da parte dei club non sono state prese sufficienti misure di sicurezza preventive e che l'iniziativa è stata presa dai vodesi, per la Corte i sostenitori dell’Hcap non hanno fatto altro che rendere più difficoltoso l’intervento della polizia. Ciò che accoglie la tesi accusatoria sostenuta dal procuratore pubblico Nicola Respini, secondo il quale la carica dei losannesi non giustificava una reazione violenta da parte dei tifosi locali. Non spettava a loro contrastarli, ma agli agenti e agli addetti alla sicurezza. 

Per il 44enne comparso oggi nell'aula penale di Lugano la Corte delle assise correzionali ha deciso per una pena pecuniaria di 4'000 franchi, sospesa con la condizionale per un periodo di tre anni. Una pena interamente sospesa, ha giustificato la giudice, tenuto conto della buona condotta dopo i fatti e della collaborazione processuale dimostrata nei primi momenti dell'inchiesta. 

In precedenza l'avvocata Jasmine Altin si era invece battuta per il proscioglimento, ribadendo che il suo assistito ha agito unicamente per difendere i supporter dell’Ambrì Piotta, tra i quali numerose famiglie. In particolare quando al termine della partita, e dopo aver divelto il cancello che delimita le due tifoserie, i supporter del Losanna si sono diretti verso il settore dei sostenitori locali. «Non si può ritenere che il mio cliente abbia partecipato a una sommossa. Non ha mai negato di non essere stato sul posto, ma fin dal principio ha specificato il perché della sua azione. Non si è trattato di un'iniziativa volta a minacciare l’ordine pubblico, perché l’ordine pubblico era già minacciato anche a causa delle gravi inosservanze nell’attuazione del dispositivo di sicurezza», ha affermato in aula Altin, definendo «proporzionato, giustificato e anche efficace», l’intervento dei tifosi dell'Hcap. 

Oltre alla sommossa, il 34enne è stato giudicato colpevole anche dei reati di guida in stato d'inattitudine, grave infrazione alle norme della circolazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. Contro la decisione della Corte, la difesa valuterà se ricorrere al Tribunale d'appello. 

Altri dieci imputati attesi in Pretura penale

La condanna del 44enne si somma a quelle già inflitte negli scorsi mesi dalla Pretura penale e dal Tribunale penale cantonale nei confronti di altre persone che con responsabilità differenti avevano partecipato agli scontri di quella movimentata domenica in Leventina. Dopo il corteo iniziale dei tifosi ospiti (un centinaio di cui una sessantina a volto coperto), era avvenuto un primo scontro sul piazzale esterno della pista. Le due fazioni avevano continuato a provocarsi nonostante l’intervento della polizia, lanciando oggetti e bengala. Al termine della partita il secondo scontro, più duro, con le tifoserie di nuovo in contatto sugli spalti e un altro intervento degli agenti. Il pp Respini, titolare dell'inchiesta, ha prodotto in totale 39 decreti d'accusa ai quali si è opposta circa la metà dei destinatari. Lo scorso 5 maggio, il 44enne condannato oggi era risultato assente in occasione del processo penale che ha visto la condanna di altri due tifosi dell'Hcap, colpevoli dei reati di sommossa e violenza contro le autorità, e quella di un supporter vodese unicamente per sommossa. Per tutti sono state pronunciate pene pecuniarie sospese. Era invece stato assolto un altro tifoso biancoblù. Archiviati i dibattimenti per gli imputati sui quali pendevano le accuse più gravi, sono ancora dieci le persone che devono ancora comparire in Pretura penale. 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
21 min
Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus
Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi
Locarnese
48 min
Lite tra ragazze a Locarno, una vetrina spaccata
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
7 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
7 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
16 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
17 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
18 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
19 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
19 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Gallery
Mezzovico
21 ore
San Mamete torna a risplendere a Mezzovico
Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile