laRegione
BENCIC B. (SUI)
2
PEGULA J. (USA)
0
fine
(6-3 : 6-3)
rave-party-nella-zona-protetta-della-val-camadra
Uno scatto fatto questa mattina in Val Camadra da un escursionista
Bellinzonese
 
13.06.21 - 14:180
Aggiornamento : 14.06.21 - 00:07

Rave party nella zona protetta della Val Camadra

Alta Valle di Blenio: diversi escursionisti si sono imbattuti questa mattina nel gruppo di giovani reduci dalla nottata

Quando il rave party sale in quota e invade una zona naturalistica sottoposta dalla Confederazione a protezione globale. È successo la scorsa notte nell’alta Valle di Blenio, lungo la Val Camadra che si snoda a nord di Ghirone e porta ai 2000 metri di Pian Geirett. Un rave che non ha attirato folle di giovani, ma che si è fatto decisamente notare e sentire questa mattina dai molti escursionisti saliti a piedi e in bicicletta per raggiungere la capanna Scaletta e la regione della Greina approfittando della giornata di bel tempo. Escursionisti imbattutisi in una ventina di veicoli con targhe italiane, ticinesi e confederate posteggiati sull’erba e in una cinquantina di giovani che stavano ascoltando musica a tutto volume, udibile a chilometri di distanza. Gruppo che ha poi abbandonato la zona spontaneamente tra le 10 e le 11 dopo una nottata di bagordi.

Accesso veicolare vietato. E poi, erano in grado di guidare?

La strada d’accesso asfaltata richiede un permesso speciale per il transito, in assenza del quale possono essere spiccate delle multe: nel caso specifico non risulta che siano stati richiesti o concessi dei lasciapassare. La Polizia cantonale, allertata da un passante che ha segnalato la presenza sia del rave party sia di una pianta caduta sul campo stradale che ostruiva l’accesso veicolare in basso, spiega alla ‘Regione’ di aver inviato sul posto un addetto alla manutenzione che ha ben presto liberato la carreggiata dal tronco; l’operaio ha poi segnalando verso le 10 alla centrale che il gruppo di giovani stava andandosene in quel momento. Sempre la polizia ha considerato la loro presenza come un raduno non problematico e, vista la partenza spontanea, non ha ritenuto necessario fare intervenire una pattuglia. Tuttavia osservando la scena – spiega alla ‘Regione’ un testimone – taluni escursionisti hanno notato che diversi giovani non sembravano essere nelle condizioni ideali di mettersi al volante, specie considerando l’impegno richiesto per guidare lungo una strada molto stretta e ripida di montagna. Nell'alta valle si mormora peraltro che alcuni dei partecipanti avrebbero raggiunto la zona con la normale corsa quotidiana delle Autolinee Bleniesi diretta fino al Pian Geirett.

Rave o droga party?

Ad aggravare la situazione, come detto all’inizio, il fatto che la festa sia avvenuta in una zona di massima protezione naturalistica, che pone severi vincoli a eventi di questo tipo. Basti pensare che solo per la presenza di determinati pipistrelli l’Ufficio cantonale della natura preavvisa negativamente qualsiasi richiesta di animazione serale e notturna nelle zone di nidificazione, anche qualora si trovino in contesti urbani come la golena di Bellinzona. Infine, non è dato sapere se si sia trattato di uno dei rave party illegali che con una certa regolarità vengono segretamente organizzati nelle zone discoste del Ticino e frequentati anche da gente proveniente da fuori cantone: un fenomeno strettamente legato al massiccio consumo di droga e al quale la ‘Regione’, dopo un reportage di ‘Falò’, aveva dedicato un servizio il 18 settembre 2018 incentrato sul Comune di Riviera il cui Municipio si era attivato per evitare che venissero organizzati altri droga party nelle sue radure.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 min
Lite tra ragazze provoca il danneggiamento di una vetrina
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
6 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
6 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
16 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
16 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
17 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
18 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
19 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Gallery
Mezzovico
20 ore
San Mamete torna a risplendere a Mezzovico
Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Ticino
1 gior
Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Ticino nelle ultime 24 ore
Si contano inoltre 11 persone ricoverate, due nei reparti di terapia intensiva
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile