laRegione
11.06.21 - 11:29
Aggiornamento: 16:11

L'Mps: 'È necessario rinunciare alle Elementari di Daro?'

In un'interpellanza tre consiglieri comunali del Movimento ritengono inoltre che le Scuole Nord di Bellinzona sono ‘già eccessivamente sovraccariche’

l-mps-e-necessario-rinunciare-alle-elementari-di-daro
Le Scuole Nord, dove saranno spostati gli allievi di Daro (Ti-Press)

Le Scuole Nord sono già “eccessivamente sovraccariche e l’aggiunta di una ulteriore sezione, unita agli incipienti lavori di ristrutturazione, potrebbe rappresentare un peggioramento delle condizioni di insegnamento e apprendimento”. Lo afferma il Movimento per il socialismo in un'interpellanza indirizzata al Municipio di Bellinzona, in seguito a quanto riferito da 'laRegione' in merito alla non riapertura a settembre delle Elementari di Daro. Ricordiamo che l'esecutivo cittadino ha preso questa decisione, in base alla segnalazione del Cantone, secondo cui undici allievi non sono sufficienti per mantenere aperta questa sezione.  Dal prossimo anno gli allievi frequenteranno quindi le Scuole Nord. Una sede che secondo i consiglieri comunali Matteo Pronzini, Angelica Lepori, Giuseppe Sergi è “assai sovraccarica (già nell’anno scolastico che volge al termine era stata creata, se non andiamo errati, almeno una sezione in più). Tutto questo in un contesto di avvio dei lavori di ristrutturazione previsti da tempo”, si legge nel testo. “Un insieme (sovraccarico e lavori di ristrutturazione) che non costituisce il migliore quadro d’assieme per insegnanti e allievi”. Per l'Mps “appare poi strano che si rinunci alle Elementari a Daro: una sede che per posizione, tranquillità e allo stesso tempo grande prossimità con il centro cittadino, rappresenta un quadro ideale e favorevole per insegnanti e allievi”.

Va precisato che secondo il Municipio non si tratta di una chiusura definitiva: se in futuro questa sezione raggiungerà nuovamente un numero sufficiente di allievi, allora i bambini potranno tornare a scuola a Daro. In ogni caso “pur tenendo conto dei meccanismi suggeriti/imposti dal Cantone (ai quali in ogni caso, assumendo i costi relativi la città potrebbe derogare)”, l'Mps chiede al Municipio se “non è ipotizzabile un movimento opposto a quello immaginato, e cioè lo spostamento verso la sede di Daro di un certo numero di allievi che vivono vicini a questa sede e che sono di solito assegnati alle scuole Nord in modo da mantenere comunque una sezione di scuola elementare (anche pluriclasse: che, come noto, è considerata da molti esperti una configurazione pedagogica assai stimolante e positiva)”. Infine i tre consiglieri comunali domandano all'esecutivo se non pensa “di rivedere la politica generale di formazione delle classi (dal punto di vista numerico) sia per le scuole elementari che per le scuole dell’infanzia adottando quale criterio una diminuzione del numero di allievi per classe, ricorrendo, se necessario, ad un maggiore contributo finanziario da parte della città”. 

Leggi anche:

Bellinzona, le Elementari di Daro non riapriranno a settembre

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
13 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
13 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
22 ore
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
22 ore
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
22 ore
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
© Regiopress, All rights reserved