laRegione
10.06.21 - 14:15
Aggiornamento: 14:53

Bellinzona, le Elementari di Daro non riapriranno a settembre

Il numero insufficiente di allievi iscritti obbliga il Municipio a spostare i bambini alle Scuole Nord. Tuttavia, non si tratta di una chiusura definitiva.

bellinzona-le-elementari-di-daro-non-riapriranno-a-settembre
'Undici allievi non bastano' (Ti-Press)

Da settembre la Scuola elementare di Daro resterà chiusa a causa del numero insufficiente di allievi iscritti. Una decisione presa dal Municipio di Bellinzona «in base alla segnalazione ricevuta dal Cantone», conferma a ‘laRegione’ Renato Bison a capo del Dicastero educazione, cultura, giovani e socialità. Infatti, attualmente a Daro è presente unicamente una pluriclasse formata da bambini di prima e seconda elementare e, stando alle autorità cantonali, «undici allievi non bastano» per mantenere aperta la sede scolastica. «Abbiamo così dovuto unire questa classe a un'altra per arrivare a un numero di 17/18 bambini, come richiesto dal Cantone». Dal prossimo anno scolastico gli allievi di Daro andranno quindi alle Scuole Nord di Bellinzona, almeno «per un anno o due». Se poi in futuro le Elementari di Daro raggiungeranno nuovamente un numero sufficiente di allievi, allora i bambini potranno tornare a scuola in questa sede. «Non è una chiusura definitiva – sottolinea Bison – e tutte le famiglie coinvolte sono state informate». Ovviamente anche i docenti sono stati spostati in altre sedi del comprensorio: «Nessuno è stato licenziato», precisa il Capodicastero dell’educazione. D’altro canto la Scuola dell’infanzia, sempre a Daro, resterà aperta, visto che vi è un numero sufficiente di bambini iscritti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
2 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
3 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
7 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
10 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
13 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
13 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
22 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
22 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
22 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved