laRegione
legge-terrorismo-i-vertici-dell-ordine-degli-avvocati-dicono-no
Nel riquadro Gianluca Padlina (foto Ti-Press)
07.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 17:47

Legge terrorismo, i vertici dell’Ordine degli avvocati dicono no

Il presidente Padlina: 'Per quasi tutte le misure manca la verifica preliminare di un giudice. Il rischio di abusi da parte della polizia è, riteniamo, elevato'

«Siamo in presenza di una normativa che segna un passo indietro importante, e preoccupante, rispetto alle sacrosante garanzie stabilite dal Codice di procedura penale. E poi non è vero che le forze dell’ordine non abbiano già ora le basi legali per poter intervenire efficacemente prima che una minaccia si concretizzi. Pensiamo a quanto accaduto nel 2018 quando la Polizia cantonale riuscì a sventare una possibile strage alla Commercio di Bellinzona arrestando lo studente che l’aveva pianificata. Un esempio eloquente», ricorda Gianluca Padlina, alla testa dell’Ordine ticinese degli avvocati, l’Oati. Continua ad allargarsi la cerchia degli oppositori alla Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (Mpt) in votazione popolare il 13 giugno. Stavolta a scendere in campo contro le nuove disposizioni sono i vertici dell’Oati, ovvero il suo Consiglio. «Abbiamo esaminato attentamente questa legge – riprende il presidente dell’Ordine – e come i nostri colleghi ginevrini siamo giunti alla conclusione che la normativa mette a disposizione della polizia strumenti estremamente incisivi sui diritti fondamentali, sulle libertà personali, senza prevedere un adeguato controllo giudiziario prima dell’applicazione delle misure. Il Codice di procedura penale svizzero contempla tutta una serie di misure coercitive ma l’autorità inquirente che intende attuarle deve ottenere l’autorizzazione del giudice dei provvedimenti coercitivi, che è un giudice di garanzia. Questo meccanismo stabilito dalla procedura penale, e fondamentale in uno stato di diritto, è invece assente in un’altra legge federale, quella su cui i cittadini e le cittadine si pronunceranno a breve. La mancanza di un adeguato controllo giudiziario preliminare – dichiara ancora Padlina alla ‘Regione’ – è secondo noi la principale pecca del testo che come Consiglio dell’Ordine degli avvocati ci auguriamo venga respinto».

Stando alla normativa in votazione, gli arresti domiciliari andranno però confermati o meno dal giudice dei provvedimenti coercitivi.

Sì, ma solo in questo caso. Per tutte le altre misure, che limitano comunque diritti e libertà, il controllo da parte di un organo giudiziario, cioè il Tribunale amministrativo federale, avverrebbe unicamente su eventuale ricorso di chi è stato oggetto di un provvedimento e quindi successivamente all’applicazione della misura. Non capiamo il o i motivi per cui il legislatore federale non abbia previsto l’intervento ‘preliminare’ del giudice dei provvedimenti coercitivi anche per le altre misure, oltre a quella degli arresti domiciliari. Aggiungo che sempre dal nostro punto di vista c’è un altro problema in questa legge.

Quale?

La definizione estremamente vaga di terrorismo e di attività terroristiche. Questa legge potrebbe di conseguenza essere applicata a fattispecie molto diverse fra loro, che non per forza hanno a che fare con il terrorismo, perlomeno come lo intendiamo nel linguaggio corrente.

Insomma il Consiglio dell’Ordine contesta la tesi di chi, come Jacques Ducry, ex procuratore pubblico e già giudice istruttore, cantonale e federale, sostiene che la legge sulla quale voteremo è garantista, anzi “sin troppo garantista”...

Certo. Contrariamente a quanto asserisce l’avvocato Ducry, qui le garanzie sono assolutamente insufficienti, soprattutto rispetto a quelle contemplate dal Codice di procedura penale in base al quale è il giudice dei provvedimenti coercitivi a confermare o no misure restrittive della libertà, ad autorizzare per esempio i controlli telefonici. E di regola quando gli inquirenti dispongono di solidi indizi, il giudice accorda le misure che chiedono di attuare. Il forte rischio è che l’eventuale implementazione della normativa sulla quale il popolo si pronuncerà il 13 deroghi ai principi della Costituzione federale.

Eppure, avvocato Padlina, ci si domanda se il vigente arsenale giuridico elvetico e gli attuali mezzi della polizia bastino a contrastare in maniera efficace il terrorismo.

Guardi, il nostro Codice penale prevede già tutta una serie di fattispecie che permettono alla polizia di intervenire prima del compimento dell’atto, e non soltanto dopo, come lascia erroneamente intendere l’opuscolo informativo del Consiglio federale in vista del voto popolare. Anche i cosiddetti atti preparatori sono infatti puniti. E ricordo nuovamente quello che è successo in Ticino nel 2018, con il fermo di uno studente che stava organizzando una possibile strage con armi da fuoco nella scuola che frequentava. È stato arrestato e poi processato e condannato. È la dimostrazione che gli inquirenti hanno oggi a disposizione gli strumenti per intervenire in maniera adeguata alla situazione.

Forse l’esito di certe indagini dipende anche dalla preparazione e dall’esperienza di chi le conduce...

La bravura degli investigatori non può tuttavia prescindere dal contesto normativo. Per il Consiglio dell’Ordine degli avvocati, ribadisco, il problema principale di questa legge è l’assenza di un controllo giudiziario preliminare per quasi tutte le misure restrittive. Venendo a mancare questo controllo, che consente di stabilire se un determinato provvedimento si giustifichi oppure no, il rischio di abusi da parte degli organi di polizia è, crediamo, piuttosto elevato.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avvocati legge padlina polizia procedura penale terrorismo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
1 ora
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
3 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
3 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
10 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
11 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
18 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
18 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
18 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
© Regiopress, All rights reserved