laRegione
18.05.21 - 15:09
Aggiornamento: 16:12

Infermiere licenziato a Bellinzona? No, trasferito

Casa anziani comunale: assunto a tempo determinato all'inizio della seconda ondata, è stato spostato quando si appurato un esubero per i letti rimasti vuoti

infermiere-licenziato-a-bellinzona-no-trasferito
Ti-Press

Si chiariscono alcuni punti della vicenda di un infermiere della casa anziani comunale di Bellinzona, situata in piazza Mesolcina, il quale stando a un’interpellanza dell’Mps sarebbe stato “licenziato poiché fratello di un altro collaboratore della struttura”. Provvedimento sfociato in una petizione di protesta che i colleghi avevano inviato a fine marzo al direttore del Settore anziani, Silvano Morisoli, che ha risposto loro a inizio aprile. Solo alcuni paragrafi sono però stati citati dall’Mps nella propria interpellanza, fra cui quello della compresenza nella medesima struttura di dipendenti con rapporti di parentela. Il Municipio, conferma la missiva di Morisoli di cui la ‘Regione’ è entrata in possesso, “ha per politica, condivisa da questa Direzione, di evitare in linea di principio l’attività nello stesso servizio e sede di lavoro di persone con stretti legami familiari”. Norma che però non figura nel Regolamento organico dei dipendenti, lamenta l’Mps.

Incarico prolungato di tre mesi

La lettera di Morisoli ricostruisce l’accaduto. Anzitutto emerge che l’infermiere è stato assunto con un incarico a termine – perciò non è poi stato licenziato – da metà settembre 2020 a fine gennaio 2021 allo scopo di ottemperare ai parametri richiesti dalla direttiva sulla chiave di ripartizione del personale elaborata dall’Ufficio del medico cantonale. Stando a nostre informazioni, il fatto di poter lavorare nello stesso ambiente del fratello è stato uno strappo alla regola dettato dall’emergenza pandemica. Ma la stessa pandemia (come peraltro accaduto nel resto del Ticino e nel Moesano) ha poi fatto aumentare il numero di letti vuoti nei ricoveri, tanto che per fine 2020 veniva indicato alla casa Mesolcina una sovra dotazione di personale; ciò nonostante l’incarico all’infermiere è stato prolungato dalla Direzione sino a fine marzo 2021, in attesa dei dati aggiornati che verso metà marzo hanno poi in effetti evidenziato un leggero esubero di personale alla Casa Mesolcina e una sottodotazione alla Pedemonte. Da qui la decisione municipale di trasferirvi l’infermiere prolungandone l’incarico sino a fine giugno 2021. Nella medesima lettera il direttore ricordava che un collaboratore non è dipendente della singola sede ma della Città, “di conseguenza può di principio essere chiamato a operare in una delle quattro sedi a dipendenza dei bisogni”. Quanto all’infermiere in questione, le sue capacità e professionalità “non sono messe in discussione e nulla gli viene rimproverato”.

Concorso d'assunzione

Sempre nella lettera Morisoli tranquillizzava sul fatto che i posti fissi del personale nominato “non sono messi in discussione”. Il perdurare della situazione pandemica “potrebbe semmai portare a non procedere con nuove assunzioni, qualora la dotazione in organico non lo permettesse”. Nel frattempo la Città tra fine aprile e inizio maggio ha invece pubblicato dei bandi di concorso per l’assunzione di infermieri e altro personale nelle case anziani: la persona in questione, qualora fosse intenzionata a farlo, risulta avere le carte in regola per candidarsi.

Leggi anche:

Bellinzona, licenziato ‘perché fratello di un altro infermiere’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
14 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
18 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
18 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
18 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved