laRegione
14.05.21 - 11:51
Aggiornamento: 18:17

Sette milioni per i boschi di protezione di Bodio e Faido

Progetto decennale per migliorare la sicurezza degli abitati e delle strade

sette-milioni-per-i-boschi-di-protezione-di-bodio-e-faido
Ti-Press

Boschi di protezione: se ne sente parlare quando vengono devastati dagli incendi, come successo nell'aprile 2017 a Osco, o quando in loro assenza si verificano cedimenti e frane lungo i pendii che finiscono per minacciare gli abitati. Poiché la loro salute è ritenuta di fondamentale importanza, specie nell'Alto Ticino, il Consiglio di Stato ha licenziato un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio (con una richiesta di credito pari a 6,92 milioni di franchi) concernente il progetto forestale integrale per la cura di 266 ettari di bosco di protezione situato sopra gli abitati di Bodio, Sobrio e Cavagnago (queste ultime due sono frazioni di Faido nella Traversa Leventinese) su terreni patriziali.

Cura, biodiversità e collegamenti

Il progetto è suddiviso in tre componenti: la principale, ossia quella selvicolturale con interventi di cura del bosco (5 milioni); poi quella riguardante la biodiversità con il recupero di lariceti pascolati a Cavagnago (110mila franchi); e infine una inerente le infrastrutture di allacciamento (1,8 milioni). Il progetto si svilupperà in due fasi nell’arco di dieci anni (2022-2031). Gli interventi selvicolturali hanno l’obiettivo di garantire la presenza di un popolamento strutturato e diversificato che permetterà di assicurare a lungo termine una funzione protettiva efficace da parte del bosco contro i pericoli di valanghe, di caduta sassi, frane, colate di detrito e alluvionamento. La realizzazione del progetto – annota la Sezione forestale cantonale – avrà quindi ricadute positive sulla sicurezza degli abitati e le strade cantonali del San Gottardo e della Traversa. La gestione dei popolamenti negli alvei dei riali e sulle loro sponde sarà garantita per evitare la formazione di serre.  

Per garantire un’esecuzione razionale dei lavori e permettere a lungo termine la futura gestione del patrimonio boschivo, il progetto prevede il miglioramento dell’infrastruttura di allacciamento esistente. Si tratta in particolare di interventi di sistemazione della strada dei Monti di Bodio-Pollegio (5,8 km), del rifacimento del ponte in località Sobrio, dell’ampliamento del piazzale d’esbosco a Parfeisc (Sobrio) e della sistemazione della pista Fòpa-Puscett (Sobrio). I lavori sono promossi dai Patriziati di Bodio, Sobrio e Cavagnago e dal Consorzio manutenzione strada Monti di Bodio-Pollegio in stretta collaborazione con la Sezione forestale e saranno finanziati principalmente da Cantone e Confederazione, nella misura dell’80% per i lavori selvicolturali, del 60% per la componente biodiversità e fra il 59.50-70% per gli interventi alle infrastrutture di allacciamento. I costi restanti saranno a carico degli enti esecutori che potranno coprirne una parte con il ricavato della vendita del legname.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Ticino Manufacturing lascia Tisin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
3 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
5 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
5 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
8 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
8 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
15 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
17 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
18 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
19 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
© Regiopress, All rights reserved