laRegione
16.04.21 - 18:51

Nuova tegola penale per il ‘re dei ponteggi’

Da Oltralpe una segnalazione alla Procura ticinese su presunti abusi nel settore dei crediti Covid riconosciuti alle ditte in difficoltà

nuova-tegola-penale-per-il-re-dei-ponteggi
La procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, titolare dell'inchiesta (Ti-Press)

Sembra una storia infinita l’inchiesta avviata quattro anni fa dall’allora procuratore pubblico Antonio Perugini – e formalmente chiusa lo scorso autunno dalla pp Petra Canonica Alexakis che l’ha ereditata – nell’ambito dei permessi falsi a carico di un 46enne kosovaro domiciliato nel Bellinzonese accusato di aver malversato 16 milioni di franchi ai danni di sue società attive nel settore ponteggi. L’ultima novità arriva dalle autorità giudiziarie argoviesi che pochi giorni fa hanno trasmesso al Ministero pubblico ticinese la richiesta di assumere l’incarto aperto di recente Oltralpe – su segnalazione dell’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (Mros) in seno all’Ufficio federale di polizia – per far luce sul presunto utilizzo illecito di crediti Covid elargiti a favore dei settori economici in difficoltà. Un nuovo capitolo che rischia di complicare oltremodo il già complesso dossier penale pendente sul cosiddetto ‘re dei ponteggi’. Di più non è dato sapere, in particolare non si conosce il grado di coinvolgimento del 46enne nella nuova vicenda, non risultando peraltro oggi titolare di ditte o società ma semmai come dipendente nella Svizzera interna.

Atto d'accusa rispedito al mittente e reclamo per ritardata giustizia

Intanto, come riferito a fine marzo dalla ‘Rsi’, per la seconda volta il Tribunale penale cantonale ha rinviato alla Procura l’atto d’accusa. Motivo: a eccezione della perizia contabile fatta allestire su ordine del Tribunale, il Ministero pubblico non si sarebbe pressoché confrontato con le criticità che nel dicembre 2017 avevano indotto la Corte a rispedire, la prima volta, il dossier al mittente. A mente del giudice Amos Pagnamenta la struttura del secondo atto d’accusa sarebbe “confusa tanto da precluderne la comprensione”; le indagini non avrebbero insomma accertato l’eventuale danno subito dalle società né tanto meno l’esistenza di un nesso con l’agire dell’imputato. In definitiva, proseguiva il servizio della ‘Rsi’, dall’incarto emergerebbero unicamente dei passaggi di capitale tra le varie imprese riconducibili al 46enne. La pp Canonica Alexakis ha dal canto suo spiegato di voler procedere con le valutazioni del caso e con gli approfondimenti disposti dal Tribunale. Risale invece a febbraio il reclamo dell’avvocato Edy Meli, patrocinatore dell’indagato, per ritardata giustizia; poco dopo, la procuratrice aveva emesso il secondo atto d’accusa chiedendo lo stralcio del reclamo; tuttavia a fine marzo, come detto, il Tribunale ha rigettato l’atto. Vista ora la nuova tegola argoviese, la magistrata dovrà decidere se disgiungere o congiungere le due inchieste; nella seconda ipotesi il processo per le malversazioni nel settore dei ponteggi rischia di finire alle calende greche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
20 min
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
1 ora
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
2 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
2 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
3 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
5 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
6 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
6 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
6 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
© Regiopress, All rights reserved