laRegione
airolo-frapolli-chiede-1-5-milioni-altrimenti-chiudo-ravina
Oggetto del contendere i terreni su cui sorgono gli impianti di Ravina, Cassinello e Varozzei (Ti-Press)
laR
 
16.04.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:12

Airolo: Frapolli chiede 1,5 milioni ‘altrimenti chiudo Ravina’

Dopo il Tribunale d'appello anche la Pretura accoglie parzialmente le sue richieste sconfessando Patriziato e Boggesi, che potrebbero ancora ricorrere

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Sediamoci presto a un tavolo e vediamo di trovare il giusto accordo finanziario affinché io possa incassare quanto mi spetta di diritto». Piccolo contrattempo da un milione e mezzo di franchi per i Comuni di Airolo e Quinto azionisti rispettivamente per l’80 e il 20% della Valbianca Sa titolare degli impianti di Pesciüm, la principale stazione sciistica del Ticino. L’altolà agli altoleventinesi arriva dall’alta Valmaggia, da quel Giovanni Frapolli con base operativa a Lodrino che rilasciando l'altroieri un’intervista alla ‘Regione’ ha comunicato di voler abbandonare Bosco Gurin lamentando un inadeguato sostegno politico e patriziale alla sua attività di imprenditore invernale. Quel sostegno politico locale e cantonale che i vertici di Airolo-Pesciüm dal canto loro invocano (vedi il nostro articolo di mercoledì 14) per poter avviare a breve termine, attraverso la Valbianca Sa, il lungo iter necessario a effettuare il salto di qualità turistico partendo dal rinnovo della concessione federale degli impianti prevista nel 2037.

Quasi 5'000 metri quadrati l'oggetto del contendere

Tuttavia due degli impianti airolesi (lo ski-lift Ravina-Cassinello e la seggiovia Ravina-Varozzei) come pure la buvette di Ravina – nonché i tre terreni su cui sorgono lo châlet e le rispettive stazioni di partenza/arrivo ma non i tralicci di trasporto, stando alle ultime decisioni giudiziarie e pretorili riferite ai soli terreni – appartengono allo stesso Giovanni Frapolli. Il quale, ritenendo in cuor suo conclusa la battaglia legale protrattasi per 11 anni con il Patriziato di Piotta e i Boggesi Alpe Ravina in materia di proprietà dei terreni, si dice pronto a vendere strutture e fondi alla Valbianca Sa e a incassare quanto gli sarebbe dovuto, ossia una cifra pari a circa 1,5 milioni di franchi. Il tutto sulla base della decisione cresciuta in giudicato emessa nel 2019 dalla Camera Civile del Tribunale d’appello, che dopo ricorsi e controricorsi gli ha dato ragione sulla proprietà di 4’668 metri quadrati di terreni in gran parte prativi che Patriziato e Boggesi ritenevano, a torto, fossero di loro competenza; e poi la conseguente decisione (non ancora cresciuta in giudicato) adottata lo scorso 30 marzo dalla Pretura di Leventina che accogliendo parzialmente la petizione di Frapolli datata novembre 2010 attribuisce i mappali in questione alla sua Centri Turistici Montani Sa: si tratta di 3’752 metri a Ravina (con inclusi 518 metri edificati con châlet-buvette), di 464 metri alla stazione di arrivo di Varozzei e di 452 metri in zona Cassinello vicino al Sasso della Boggia. Negato per contro, come lo stesso tribunale aveva deciso nel 2019, il diritto di passo pedonale e veicolare su taluni terreni del Comune di Airolo. La decisione pretorile sino a metà maggio sarà impugnabile da Patriziato e Boggesi con un ricorso al Tribunale d’appello.

L'asta del 2004 e la vertenza legale

L’ingarbugliata vicenda, come ricostruito in due nostri articoli pubblicati il 13 e il 19 novembre scorsi, ha inizio nel 2004 quando sotto il peso dei debiti fallisce la Funivie San Gottardo Sa proprietaria degli impianti sciistici di Airolo-Pesciüm. Frapolli li ritira quello stesso anno all’asta per 4,2 milioni, compreso il diritto di ottenere da Patriziato e Boggesi i terreni su cui sorgono le infrastrutture di Ravina, Cassinello e Varozzei. Dopo alcune decisioni giudiziarie dapprima favorevoli a Patriziato e Boggesi, e successivamente favorevoli a Frapolli a seguito di suoi ricorsi, la vertenza giunge ai giorni nostri con l’ultima decisione pretorile. Pretura di Leventina cui il Tribunale d’appello imponeva di attribuire fattualmente le tre proprietà fondiarie alla Centri Turistici Montani Sa di Frapolli, incaricando quest’ultima sia di accollarsi le spese di Registro fondiario dovute al trapasso di proprietà dalla fallita Funivie San Gottardo Sa, sia di versare a Patriziato e Boggesi 16mila franchi quale equa indennità, mentre tasse di giustizia e altre spese per 40mila franchi sono poste a carico per tre quarti di Patriziato e Boggesi, più 24mila franchi di spese legali a favore di Frapolli.  

‘Un ricorso sarebbe solo perdita di tempo, a caro prezzo’

«È vero – commenta Frapolli alla ‘Regione’ – che la decisione della Pretura di Leventina non è ancora cresciuta in giudicato e che Patriziato e Boggesi potrebbero ancora rivolgersi nei prossimi giorni al Tribunale d’appello. Ma si tratterebbe di un ricorso privo di senso poiché lo stesso tribunale nel 2019 si è già espresso chiaramente e in modo definitivo a mio favore. Ricorrere oggi significherebbe unicamente mettere i bastoni fra le ruote e prolungare la già annosa vicenda, causando peraltro altre ingenti spese legali e giudiziarie che finirebbero per sommarsi a quelle già sopportate». Detto questo, prosegue Frapolli, «per me è importante chiarire che voglio vendere al giusto prezzo impianti e terreni alla Valbianca Sa, affinché si chiuda definitivamente la vicenda e la società stessa possa mettere in atto tutto quanto di sua competenza per assicurare un solido futuro all’intero comprensorio di Airolo-Pesciüm, e non solo di una parte di esso».

Un primo milione e mezzo era già stato versato

Va pure ricordato che nel 2009 fu la Valbianca Sa – appositamente costituita in gran segreto dai Comuni di Airolo e Quinto con l’aiuto di Lugano per prendere in mano la stazione invernale alto leventinese – a ritirare all’asta, con la sorpresa di tutti e per soli 70mila franchi, gli impianti di Pesciüm che erano di Frapolli e che valevano 7,73 milioni. Settantamila franchi cui in seconda battuta si aggiunse il versamento di un milione e mezzo a copertura della riserva di proprietà a suo tempo iscritta a Registro fondiario da Giovanni Frapolli. «Cui va oggi aggiunta – confida lui – un’altra cifra analoga per i terreni di Ravina, Cassinello e Varozzei e per le infrastrutture che vi sorgono sopra. Mi piacerebbe che l’accordo venisse trovato in tempi brevi». In caso contrario, avverte Frapolli, «il prossimo inverno sono pronto a tenere chiusa la parte del comprensorio sciistico di Ravina, che è peraltro il più bello. E allora, addio stagione invernale. Un po’ come succederà a Bosco Gurin, ma per altri motivi».

Le parti valutano, lo si saprà a metà maggio

Interpellato dalla ‘Regione’ Giovanni Leonardi, presidente della Valbianca Sa, per ora non si esprime rinviando ogni valutazione al momento in cui si saprà se Patriziato e Boggesi avranno o no interposto ricorso attraverso la loro legale. Una decisione in tal senso sarà presa dopo le elezioni comunali, sentiti anche i pareri della Valbianca Sa e delle nuove autorità comunali che prenderanno in mano le redini di Airolo e Quinto. Comuni cui competerebbe appunto il versamento di 1,5 milioni per consentire a Valbianca di ritirare impianti e terreni.

Leggi anche:

Bosco, Frapolli se ne va! 'Troppi attriti, nessun aiuto'

Airolo-Ravina finalmente non sarà più terra di nessuno

Impianti di Airolo: 'La stagione è garantita'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boggesi frapolli patriziato tribunale appello valbianca
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
28 min
Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce
In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
1 ora
Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura
Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Locarnese
2 ore
Incidente a Maggia: si cercano testimoni
Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
8 ore
Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Luganese
1 gior
Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina
Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Ticino
1 gior
Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
1 gior
Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati
Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Locarnese
1 gior
Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici
Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
1 gior
‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’
Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
1 gior
Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo
L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
© Regiopress, All rights reserved