laRegione
30.03.21 - 18:48
Aggiornamento: 19:45

Blenio, il Polisport per rivitalizzare tutto il territorio

Via libera all'acquisizione da parte del Comune di Blenio dello stabile e al credito per la ristrutturazione dell'edificio e la realizzazione di opere complementari

blenio-il-polisport-per-rivitalizzare-tutto-il-territorio
Il previsto nuovo volto del comparto (rendering studio d’architettura blanco-ad)
+1

La riqualifica del Polisport di Olivone per rivitalizzare tutto il territorio di Blenio. Il locale Municipio ci crede, e sostenuto da Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli (Ers-Bv) e Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) getta le basi per un progetto di rilancio che possa migliorare l'attrattiva turistica locale, dare respiro a una microeconomia in affanno, incentivare investimenti privati e migliorare la qualità di vita dei residenti.

Riuniti questa mattina in conferenza stampa, i rappresentanti dei tre enti hanno fornito aggiornamenti sul progetto di rinnovo del Polisport che oltre all'edificio già esistente riguarda anche il terreno adiacente. Ieri sera il Consiglio comunale di Blenio si è detto d'accordo affinché il Comune – già azionista di maggioranza nella misura del 71,5% – acquisisca i rimanenti due settimi di quote della Centro polisportivo Alta Blenio Sa, attualmente dello Sci club Scimano e della Società impianti sciistici Campo Blenio. Il Comune di Blenio diventerà dunque il solo proprietario del centro sportivo dove hanno luogo anche feste, assemblee, banchetti, concerti, raduni di società e fiere. In totale il Legislativo ha approvato un credito di 6,7 milioni di franchi destinato all'acquisto delle quote mancanti e, per la maggior parte, all'investimento previsto. Tuttavia il Comune, ha spiegato la sindaca Claudia Boschetti Straub, avrà a carico 'solo' due milioni. Si prevede infatti che i finanziamenti del Cantone (il Gran Consiglio sarà chiamato a esprimersi a fine 2021), i sussidi della Confederazione, il fondo aggregativo e le donazioni di terzi andranno a coprire il resto dei costi d’investimento. 

Campeggio, piscina e area di svago

Elaborato dallo studio d’architettura Blanco-ad di Acquarossa in collaborazione con l’architetta paesaggista Francesca Kamber, il progetto Polisport 2020 prevede innanzitutto il mantenimento dell’edificio già presente, realizzato 35 anni fa. A sud della struttura esistente, a ridosso della palestra, sarà  costruito un nuovo stabile che accoglierà una buvette e un’area di svago per bambini. Elemento di grande interesse risulta la prevista piscina di cui, oltre ai residenti, potranno godere anche i turisti che troveranno posto nell'area campeggio (ipotizzato sulla superficie erbosa) dove saranno messi a disposizione una trentina di stalli per camper e tende. La parte ricettiva sarà poi estesa con la costruzione di cinque strutture di piccole dimensioni realizzate con materiale naturale. Per il nuovo volto del Polisport, le tempistiche indicano la definizione del progetto esecutivo per marzo del 2022, con l'inizio dei lavori ipotizzato per il successivo mese di maggio. Il cantiere dovrebbe concludersi nel 2023. 

Struttura affittata a terzi

C'è una chiara separazione fra la parte di investimento e quella di gestione: sarà il Comune a finanziare opere e migliorie, affidando in seguito a terzi la conduzione della struttura. La società di gestione incarica dovrà pagare un affitto per la locazione dell'immobile e di tutte le strutture adiacenti. 

Progetto chiave per tutto il territorio

Con questo progetto il Comune di Blenio è determinato a dare slancio agli elementi turistici e di svago complementari al Polisport. Boschetti Straub ha sottolineato che l'offerta del territorio comunale (senza dimenticare il contatto con la natura e il commercio di prodotti locali) andrà rinnovata e consolidata con una nuova visione d’insieme. Per quanto riguarda gli elementi da tenere in considerazione, sono stati citati il Centro sci nordico di Campra, gli impianti sciistici di Campo Blenio (sempre più orientati verso le stagioni calde), il futuro osservatorio astronomico a Gorda, il Centro Pro Natura Lucomagno, il bosco di svago di Sina (con un’impronta didattica), i percorsi mountain bike e la fitta rete sentieri per escursionisti. In quello che dovrà essere un’operazione di coordinamento efficiente, la sindaca è convinta che Olivone dovrà essere la capitale di questo progetto di rilancio, che andrà costruito passo dopo passo. 

Per elaborare una visione d'insieme – questo secondo i relatori è il grande progetto di rilancio sfruttando la spinta del Polisport – a breve sarà avviato uno studio interdisciplinare (per il quale il Consiglio comunale ha stanziato poco più di 100mila franchi) che si concentrerà su tre ambiti: project-managment, finanze-gestione e turismo-comunicazione. In questo fase, che dovrebbe durare un anno, sotto la lente finiranno punti positivi e criticità di tutte le offerte già presenti. Previsto anche il coinvolgimento dei portatori d'interesse, la costituzione di un gruppo di accompagnamento (con rappresentanti di Comune, Otr-Bat e Ers-Bv), lo sviluppo del piano attuativo che consideri quanto in esercizio e la maturazione dei vari progetti. Obiettivo sarà creare una cosiddetta 'corporate governance' (con figure chiave professionali) quale nuova organizzazione dell'offerta in rete. Un passo, quello di coordinare e unire le forze, che si rende necessario per Manuel Cereda, direttore dell'Ers-Bv che avrà un ruolo importante nell'elaborazione della strategia. 

Oltre al territorio comunale, ha dal canto suo evidenziato il direttore dell'Otr-Bat Juri Clericetti, sarà tutta la Valle di Blenio a beneficiare del progetto Polisport. Interessante, ha aggiunto, è il flusso di turisti in aumento proveniente dalla Val Surselva. 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
10 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
10 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
11 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
11 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
12 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
13 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved