laRegione
dramma-di-carasso-la-comunita-degli-aramei-in-aiuto-ai-figli
La scena dell'omicidio-suicidio, sulla ciclopedonale di Carasso (Ti-Press)
29.03.21 - 12:00
Aggiornamento: 19:46

Dramma di Carasso, la comunità degli aramei in aiuto ai figli

Il presidente Melki Toprack assicura vicinanza e sostegno concreto. In arrivo i familiari dalla Germania. Conferme sul movente

«Sono ore molto tristi per tutti noi, per la nostra comunità di duemila persone in Ticino che si stringe col pensiero attorno ai due figli e ai rispettivi familiari dei nostri cari amici morti in circostanze così tragiche. A questi ragazzi vogliamo esprimere il nostro pieno sostegno morale, ma anche e soprattutto concreto, presente e futuro, affinché il dramma che li ha investiti non comprometta le loro giovani esistenze». Il presidente dell’Associazione svizzera degli aramei, Melki Toprak, si trovava ieri a Galbisio in visita ad alcuni conoscenti mentre poco distante, sulla ciclopedonale di Carasso, accanto all’autostrada, un 53enne freddava l’ex moglie 44enne, entrambi di origini siriane, con due colpi di pistola diretti al cuore, per poi suicidarsi.

‘Lei solare e positiva, lui un uomo per bene’

«Vogliamo attivarci quanto prima – spiega Melki Toprak alla ‘Regione’ – per essere d’aiuto alla figlia 23enne e al figlio 18enne che vivevano con la madre. Una donna solare, positiva, con buoni legami verso la società, attenta alla nostra Comunità e attiva nella corale. La incontravo spesso alle celebrazioni che teniamo con regolarità in alcune località ticinesi. E anche nei momenti per lei più difficili, mostrava di saperli affrontare con dignità, a testa alta. D’altronde lavorava, era molto apprezzata nella sua professione di estetista nell’ambito della quale incontrava molte persone. Una fitta rete di conoscenze: come si dice, era inserita nella società. Con il marito non avevo rapporti intensi, ma era un uomo per bene, posato, tranquillo, molto curato nell’aspetto, con una professione rispettabile di autista di bus ormai da molti anni». Tutti questi motivi, conclude Melki Toprak, «rendono ancora più difficile spiegarsi quale e quanta rabbia abbia armato la sua mano. E rendono ancora più pesante la tragedia che colpisce due famiglie ma finisce per investire un’intera comunità. Nei prossimi giorni valuteremo come rendere omaggio alla loro memoria. Prima però incontreremo i rispettivi familiari, che stanno per giungere dalla Germania. Non sarà facile».

Il rifiuto di lei e le minacce subite

Come riferito dalla ‘Regione’ ieri sera online e stamane nella versione cartacea, il movente del femminicidio va ricercato nel tentativo del 53enne di ricucire lo strappo con l'ex moglie. Chi li conosceva conferma che dopo la separazione avvenuta un paio d’anni fa, quando lui aveva lasciato il tetto coniugale, abitavano ciascuno per conto proprio a Sementina. In passato, alla nascita dei figli, avevano abitato alle Semine e ottenuto la cittadinanza svizzera. Dopo la recente separazione, più volte lui aveva tentato di convincerla a riaccoglierlo in casa, confrontandosi però con il ripetuto e fermo rifiuti di lei. Una mediazione era avvenuta davanti a un vescovo siriano, parente di uno dei due, ma al termine dei colloqui nulla era cambiato. Fino all’ultimo, vano tentativo di ieri, finito nel sangue sotto gli occhi increduli dell’amica con cui la 44enne stava facendo jogging in una domenica di sole. Una ‘soluzione’ drastica e in linea con l'atteggiamento di lui, divenuto recentemente ossessivo, stando a una testimonianza di un'amica della vittima raccolta dalla ’Rsi’, secondo cui il 53enne la perseguitava, la seguiva, si appostava sotto casa facendola sentire in pericolo e dicendole che avrebbe fatto del male ai figli se lei lo avesse denunciato. E le ripeteva “o sarai mia o di nessun altro”. 

Leggi anche:

Dramma di Carasso: due colpi al cuore dopo l’ennesimo rifiuto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuto aramei carasso comunità dramma figli germania melki movente
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche
l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
8 ore
WikiMafia non ammessa come parte civile
Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
8 ore
Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori
Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
9 ore
Arrivano le multe disciplinari con il QR
La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
10 ore
Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione
Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Ticino
14 ore
Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni
L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Bellinzonese
17 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
18 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
18 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’
Luganese
20 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
© Regiopress, All rights reserved