laRegione
28.03.21 - 21:32
Aggiornamento: 29.03.21 - 07:59

Dramma di Carasso: due colpi al cuore dopo l’ennesimo rifiuto

Iniziano a chiarirsi la dinamica e il movente dell'omicidio-suicidio verificatosi oggi pomeriggio nella zona golenale di Bellinzona

dramma-di-carasso-due-colpi-al-cuore-dopo-l-ennesimo-rifiuto
Rescue Media

Due colpi di pistola al torace dell’ex moglie, vicino al cuore, e un terzo contro se stesso, alla testa. A poche ore dall’omicidio-suicidio verificatosi questo pomeriggio nella zona golenale bellinzonese di Carasso, proprio accanto all'autostrada, alcune informazioni aiutano a fare parzialmente luce sulla dinamica della tragedia e il probabile movente. Dinamica e movente su cui stanno indagando gli inquirenti coordinati dal procuratore capo Arturo Garzoni, responsabile della sottosede bellinzonese del Ministero pubblico. Stando a informazioni raccolte dalla ‘Regione’ il 53enne, come l’ex moglie originario della Siria ed entrambi naturalizzati quasi vent’anni fa, l’avrebbe rincorsa lungo la ciclopista in sella a una bicicletta mentre la 44enne stava facendo jogging con un’amica. Non è dato sapere se vi sia stato un alterco, fatto sta che in pochissimi istanti lui ha estratto una pistola e ha premuto il grilletto due volte, per poi togliersi la vita sotto gli occhi dell’amica, che ha poi lanciato l'allarme. Il decesso è stato pressoché istantaneo per entrambi.

Estetista lei, autista di furgoni lui

Estetista lei, apprezzata collaboratrice di uno studio con sede a Sementina; conducente di furgoni per una ditta di autotrasporti lui. Dopo il matrimonio avevano abitato per alcuni anni nel quartiere delle Semine; quindi l’arrivo di due figli (una ragazza e un ragazzo oggi di circa 18 anni) e la crisi coniugale sfociata nel divorzio. Si diceva del movente: le testimonianze che verranno raccolte ascoltando i figli, i familiari, gli amici e i colleghi di lavoro aiuteranno polizia e procuratore a capire cos’abbia armato la mano del 53enne. Stando a informazioni raccolte dalla redazione, recentemente lui avrebbe cercato di ricucire lo strappo, chiedendole di tornare a vivere insieme; oggi l’ennesimo tentativo, finito con un altro rifiuto di lei e con la reazione, estrema, tragica, di un uomo che ha imposto la propria legge, senza appello.

Leggi anche:

Omicidio-suicidio, è stata l'amica a dare l'allarme

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
1 ora
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
1 ora
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 ora
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
6 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
8 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
10 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
10 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
13 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
13 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
© Regiopress, All rights reserved