laRegione
i-comuni-necessitano-di-poliziotti-non-di-semplici-usceri
(Ti-Press)
laR
 
12.03.21 - 06:00
Aggiornamento: 17:25

‘I Comuni necessitano di poliziotti, non di semplici usceri’

Biasca: l'Associazione delle polizie comunali (Apcti) stronca il progetto pilota promosso dal Cantone che prevede solo assistenti al servizio diretto dei Municipi

“I Comuni devono avere competenze di polizia adeguate e dirette, non di semplici usceri. La polizia di prossimità si concretizza con l'agire della polizia, non dell'assistenza”. Inizia così la dura presa di posizione dell’Associazione delle polizie comunali ticinesi (Apcti) sul progetto pilota denominato Polizia Tre Valli – promosso dal Dipartimento delle istituzioni – concernente il posto misto della Regione VIII ubicato a Biasca, che ospita Polizia cantonale e comunale.

Compiti minori solo agli assistenti

La modifica sostanziale del progetto, come riferito dalla Regione il 4 e 5 marzo, riguarda la volontà di affidare nei Comuni unicamente ad assistenti di polizia i compiti minori di prossimità che attualmente vengono svolti da agenti veri e propri. Concretamente è prevista l’assunzione durante la fase pilota, ipotizzata tra gennaio 2022 e dicembre 2023, di ausiliari in sostituzione di sei agenti di polizia e il finanziamento di 10 agenti per i quali la funzione a pieno titolo è ritenuta indispensabile. In questo modo si raggiungeranno i sedici effettivi di cui la Polizia comunale deve dotarsi entro il 2022. Tuttavia, qualora la sperimentazione producesse risultati positivi sia per i Comuni che per il Cantone, i 10 agenti della polcomunale passeranno alle dipendenze del Cantone, inglobati a tutti gli effetti nei ranghi della Polizia cantonale, mentre solo i sei assistenti rimarrebbero impiegati del Comune Biasca e finanziati dalla regione. La squadra della Polizia comunale nelle Tre Valli sarebbe quindi composta da tre assistenti per Biasca, Riviera e Bassa Leventina, due per Airolo e Faido e uno per il Distretto di Blenio. Il Legislativo di Biasca – Comune polo – dovrà esprimersi sulla proposta di modifica della convenzione con il Cantone che, se approvata, darebbe avvio alla fase pilota al termine della quale sarebbe il Gran Consiglio a dover decidere se modificare la Legge sulla collaborazione fra la polizia cantonale e le polizie comunali (LCPol). 

‘Si banalizza il concetto di prossimità’

L’idea di manovra del Cantone non trova assolutamente d’accordo l’Apcti. Firmata dal suo presidente nonché vicecomandante della Polizia Torre di Redde, Orio Galli, la presa di posizione elenca con tono critico gli aspetti che destano perplessità. A cominciare dalla considerazione che scindere i compiti minori da quelli veri di polizia vuol dire “banalizzare l’importanza del concetto operativo di prossimità, caposaldo delle polizie comunali, che garantisce, grazie ad un lavoro quotidiano di contatto e di risoluzione di problemi di sicurezza locale, di anticipare il più possibile l’insorgere di problematiche di sicurezza ben più gravi che non possono essere risolti se non con interventi repressivi”, e quindi svolti da agenti veri e propri ai quali gli assistenti “possono collaborare in forma sussidiaria”. Per l’Apcti, l'intenzione di conteggiare i sei ausiliari nel computo totale dei 16 effettivi, “semplicemente per paventate misure di risparmio”, crea una “situazione inconciliabile con la volontà del legislatore di destinare queste figure, non armate, ai Municipi quando invece devono essere direttamente assoggettate a un Corpo di polizia”.

Idea del Cantone appresa dalla stampa

Per niente apprezzato è poi il mancato coinvolgimento del gruppo di lavoro voluto dall’Associazione dei Comuni ticinesi (Act) – comprendente rappresentanti dei vertici delle polizie comunali, della Polizia cantonale e alcuni Municipali – che secondo l’Apcti non sarebbe stato minimamente consultato in merito al progetto di Biasca. «Non ha senso dar vita a gruppi di lavoro, riunendo attorno a un tavolo rappresentanti del Cantone e dei Comuni, discutere per mesi e poi uscire a sorpresa con soluzioni che secondo noi non hanno nulla a che vedere con lo spirito di questi gruppi e con le richieste della stragrande maggioranza dei Comuni, già espressasi per il mantenimento delle Polizie comunali con compiti specifici di prossimità», afferma da noi interpellato Orio Galli, venuto a conoscenza del progetto, così come gli altri membri dell'Apcti, dagli articoli di stampa.

Su invito dell’Act, nel 2019 l’Apcti aveva prodotto un rapporto rivendicando il ruolo di polizia di prossimità nel contesto della sicurezza locale e urbana. Trentotto pagine che volevano essere una ‘Guida alla polizia di prossimità per gli organi esecutivi comunali’, con l’intento di “ottimizzare ulteriormente l’attività (strutturali, finanziarie e dei compiti) delle polizie comunali, a favore della nostra popolazione, dopo oltre 5 anni dall’implementazione della LCPol”. Sul tema della polizia unica, l’Apcti non ha mai avuto dubbi: “Le polizie comunali – si leggeva nella pubblicazione curata dal primo tenente della polizia della Città di Lugano Wladimiro Castellisono – devono rimanere, in primo luogo, polizie di prossimità”, L’agente di polizia, scriveva Castelli nel suo rapporto nel quale venivano esposte sette mosse su cui i Municipi dovrebbero concentrare i loro sforzi nell’“immediato futuro” e “con la collaborazione della Polizia cantonale” per favorire il concetto di prossimità, non è chiamato solo a far rispettare e ad applicare la legge: “Localmente, durante la sua attività, deve” anche “promuovere il contatto con i cittadini e ricercare la loro fiducia”. E quindi, proseguiva la pubblicazione, “deve essere vicino alle preoccupazioni della popolazione: sa ascoltare, rassicurare, indagare, intervenire, risolvere, segnalare e informare. Ricerca le cause dei problemi”. Tornando alla presa di posizione dell’Apcti, Orio Galli sottolinea che “la paventata proposta pilota per Biasca sconvolge in effetti i lavori in atto e dimostra ulteriormente che l’unico posto misto, quello di Biasca, ancora esistente è stato un vero e proprio fallimento dal punto di vista del concetto di prossimità”.

‘Mancanza di visione e coerenza’

L’Apcti stigmatizza l’agire del Di, “che non rispetta né le norme di Legge vigenti né i gruppi di lavoro che egli stesso ha approvato né quanto ha presentato a fine 2018 ai Capi Dicastero di sicurezza dei Comuni che dispongono di un corpo di Polizia, stravolgendo di fatto quanto proposto. La sensazione, ma che trova sempre più elementi oggettivi nella realtà – affonda infine l’Apcti – è che siamo confrontati con una chiara mancanza di visione e di coerenza; ciò che preoccupa ma che non ci distoglie minimamente, anzi semmai ci sprona a continuare con i nostri propositi, per garantire anche in futuro un vero concetto di ‘Community Policing’ al servizio della nostra gente ed in supporto dei Municipi convenzionati e le loro amministrazioni comunali”. 

Leggi anche:

Polizia, nelle Tre Valli più assistenti e più prossimità

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantone polizia polizie comunali progetto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud
Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
7 ore
Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti
Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
9 ore
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
10 ore
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
10 ore
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
19 ore
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
22 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
22 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
© Regiopress, All rights reserved