laRegione
07.03.21 - 15:39
Aggiornamento: 16:44

Medie di Castione, Lumino condivide le preoccupazioni

Il Cantone ha confermato al Municipio che sta valutando due varianti alternative per il progetto di ristrutturazione dell'istituto scolastico.

medie-di-castione-lumino-condivide-le-preoccupazioni
Tuttora pendenti i ricorsi contro il progetto originale (Ti-Press)

 

Il Municipio di Lumino “condivide le preoccupazioni” contenute nell’interrogazione presentata dai consiglieri comunali per il Ppd Enea Monticelli e Damiano Della Bruna “e il principio secondo il quale gli allievi di Lumino devono continuare a frequentare le Scuole medie a Castione senza andare altrove”. Il testo era stato depositato lo scorso dicembre facendo emergere una questione di cui il Municipio era all’oscuro: le due varianti studiate dalla Sezione cantonale della logistica in merito all’ampliamento del comparto scolastico di Castione. Varianti elaborate a causa dei ricorsi tuttora pendenti contro il progetto originale, che prevede l’ampliamento della Scuola media esistente per permetterle di ospitare fino a 500 allievi e porre così rimedio ai limiti di capacità. Come dichiarato alla ’Regione’ lo scorso 18 gennaio, la Sezione della logistica attende che i ricorsi contro la modifica di Piano regolatore e il credito di progettazione votato dal Consiglio comunale siano evasi. “Nel frattempo – chiariva il Cantone – com’è normale che sia, si stanno verificando eventuali ipotesi alternative, che potrebbero essere utili nel caso in cui i ricorsi venissero accettati”. Una variante prevede la costruzione di una nuova Scuola media in un luogo imprecisato fra Bellinzona e Claro e la demolizione dell’attuale edificio a Castione. L’altra ipotesi presa in considerazione è il risanamento della vecchia struttura con la demolizione e la ricostruzione di un nuovo blocco sportivo, tuttavia con una diminuzione della capacità di studenti (ci sarebbe spazio solo per 350). In entrambi i casi, alcuni o tutti i ragazzi di Arbedo-Castione e Lumino che attualmente frequentano le Medie di Castione dovrebbero dunque recarsi in una sede più lontana. Rispondendo all’interrogazione di Monticelli e Della Bruna, il Municipio di Lumino (che negli ultimi mesi ha richiesto degli incontri con l'Esecutivo di Arbedo-Castione e con la Sezione della logistica per avere chiarezza) conferma in sostanza quanto già affermato dal Cantone: “Al momento – si legge nella risposta all'interrogazione – non ci è dato sapere se il progetto della nuova scuola potrà partire a Castione. Siamo in attesa dell’evasione dei ricorsi”. Nonostante questi ultimi paragrafi non soddisfino l’Esecutivo, “si rimane fiduciosi che le domande sollevate dall’interrogazione possano al più presto trovare rassicurazioni concrete”.

Per quanto invece attiene alla nuova scuola dell’infanzia comunale, “l’emergenza che aveva dato origine al progetto, è rientrata a seguito di un approntamento di nuove aule presso l’ex accantonamento di Castione”, le quali sono state realizzate e sono pronte ad ospitare una maggior capienza di bambini presso I’attuale scuola dell’infanzia”.

 

Leggi anche:

Il Ppd di Lumino chiede chiarezza sulle scuole di Castione

Per le Medie di Castione ‘si valutano soluzioni alternative’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
6 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
7 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
7 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
7 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
8 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
9 ore
‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’
L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Luganese
12 ore
Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano
Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Ticino
1 gior
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
© Regiopress, All rights reserved