laRegione
25.02.21 - 16:09
Aggiornamento: 18:43

Processo per stupro, l'ex compagna si mette in discussione

In appello, la ex del 39enne condannato a tre anni in primo grado esprime i suoi dubbi in una lettera alla Corte: "Avrei potuto dire 'no' con più chiarezza"

processo-per-stupro-l-ex-compagna-si-mette-in-discussione
Ti-press

Fu un rapporto sessuale un po’ troppo focoso o uno stupro? A stabilirlo sarà la Corte di Appello e di revisione penale, presieduta da Giovanna Roggero-Will, giudici a latere Rosa Item e Andrea Ermotti. La sentenza verrà pronunciata nelle prossime settimane. Questa mattina alla sbarra è comparso un 39enne sudamericano residente nel Bellinzonese, che lo scorso 18 giugno 2019 la Corte delle assise criminali, presiedute da Mauro Ermani, ha ritenuto colpevole di coazione sessuale e violenza carnale per aver costretto, il 12 agosto 2015, l’ex compagna a subire atti sessuali contro la sua volontà, usando violenza e minaccia. La sentenza di primo grado ha condannato l’imputato a una pena di tre anni, di cui 10 mesi da espiare e 26 mesi sospesi condizionalmente per due anni.

L’accusa, rappresentata dal procuratore pubblico Pablo Fäh ha chiesto in secondo grado che l’imputato venga condannato a una pena detentiva di tre anni, rimettendosi al giudizio della corte riguardo a una possibile parziale sospensione della stessa. Dal canto suo, la difesa, rappresentata dall’avvocato Raffaele Caronna, si è battuta per l’assoluzione del suo assistito.

I dubbi in una lettera alla Corte

Rispetto al dibattimento tenutosi alle Assise criminali vi è un elemento di novità: lo scorso 5 febbraio l’accusatrice privata ha recapitato una lettera alla Corte di Appello. Nello scritto, la ex compagna dell’imputato ha voluto esternare i suoi dubbi, dichiarando che non escludeva che quel giorno dell’agosto 2015 avrebbe potuto esprimere con maggior chiarezza e fermezza la sua contrarietà ad avere un rapporto sessuale con l’imputato. In quell’occasione, ha spiegato la donna, il dubbio che le è sorto analizzando quanto avvenuto, è che i suoi ‘non voglio’ e ‘ho paura’ siano stati intesi dall’imputato non come un rifiuto al rapporto ma come un non voler praticare quanto da lui richiesto. «Sono convinta che se io avessi saputo trovare un modo diverso per far capire a lui che non volevo fare sesso quel giorno, lui si sarebbe fermato», ha aggiunto la donna che oggi dice di essere in buoni rapporti con l’imputato, soprattutto per il bene del figlio che hanno avuto insieme. L’accusatrice privata, rappresentata in aula dall’avvocato Stefano Peduzzi, ha affermato che dopo la sentenza in primo grado non si è sentita sollevata, anzi. «In questa vicenda non c’è chi vince e chi perde, abbiamo perso tutti a prescindere». Nonostante quanto dichiarato dall'ex compagna, la pubblica accusa ha invitato a prestare attenzione all'oggettiva estrema gravità dell’accaduto, senza cercare spiegazioni a posteriori per banalizzare quanto avvenuto quel giorno di agosto. Per il pp l’imputato era geloso e violento, voleva umiliare e sottomettere la ex compagna, dimostrandole che lui poteva fare di lei ciò che voleva, costringendola così a subire un rapporto. Ciò che ha peraltro portato la donna a soffrire di un disturbo post traumatico. 

L’ombra del dubbio

L’avvocato di parte privata ha chiesto alla Corte di accogliere integralmente il ricorso della difesa, invitando a considerare il principio del ‘in dubio pro reo’ «e questa volta in aula il dubbio ce lo ha portato proprio la mia assistita», ha evidenziato. E il dubbio, ha fatto presente anche l’avvocato difensore Raffaele Caronna, c’era già all’inizio: nelle prime dichiarazioni fornite alla polizia la donna ha definito il rapporto ‘particolarmente intenso’, aggiungendo che sembrava che l’ex compagno avesse quasi avuto l’intenzione di violentarla. «Queste sono le parole pronunciate subito dopo i fatti e c’è una bella differenza tra queste affermazioni e dire ‘mi ha violentato’», ha precisato il patrocinatore. 

L’ultima parola

Quando è stata concessa l’ultima parola all’imputato, il 39enne, tra le lacrime, ha riconosciuto che qualcosa quel giorno non ha funzionato: «La nostra intesa non è stata quella di sempre. È vero, non sarò stato l’uomo più gentile al mondo in quell'occasione, ma come ho dichiarato in tutti i verbali, e lo dico dal profondo del cuore, se avessi capito che lei voleva interrompere il rapporto sessuale, lo avrei fatto». 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
16 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
20 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
20 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
20 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved