laRegione
25.02.21 - 15:16

Le Officine di Bellinzona non vogliono mollare i treni merci

La Commissione del personale allargato, appoggiata dal Consiglio di Stato, chiede nuovamente alle Ffs di presentare il piano industriale per Castione

le-officine-di-bellinzona-non-vogliono-mollare-i-treni-merci
Gianni Frizzo (Ti-Press)

«È necessario rinviare la decisione di rinunciare alla manutenzione dei carri merci, fino a quando non sarà presentato un piano industriale» relativo al nuovo stabilimento di Castione che dovrebbe aprire i battenti nel 2026. Gianni Frizzo – a nome della CoPe allargata (Commissione del personale delle Officine di Bellinzona e sindacati) – non intende accettare senza lottare la decisione comunicata circa un mese fa dalle Ffs: ovvero quella di affidare la manutenzione della flotta Astoro alle attuale Officine già dal 2022, rinunciando però a quella dei treni merci. Una decisione che, se dovesse effettivamente avverarsi, «il Ticino pagherà a caro prezzo» in termini occupazionali, ha sottolineato da parte sua il presidente della CoPe Ivan Cozzaglio durante una conferenza stampa odierna. Questa preoccupazione è anche condivisa dal governo ticinese: «Lunedì scorso abbiamo incontrato il Consiglio di Stato – ha indicato il sindacalista di Unia Matteo Pronzini – che si è detto d’accordo di chiedere alle Ffs di ridiscutere della dismissione dei carri merci». L’esecutivo si è dunque detto disponibile a organizzare dal punto di vista logistico un incontro fra lo stesso Consiglio di Stato, la CoPe allargata, le Ffs e Franz Steinegger (coordinatore della Piattaforma informativa sulle Officine).

‘Mantenere i posti di lavoro in Ticino’

Un incontro durante il quale sarà nuovamente chiesto alle Ffs di presentare finalmente il piano industriale per le nuove Officine. Quest’ultimo permetterebbe infatti di capire quale sarà effettivamente il personale impiegato e per quale tipo di lavoro. Insomma, consentirebbe di disporre di «una visione a medio-lungo termine» e migliorerebbe pure il «rapporto di fiducia» tra le parti, ha affermato Frizzo, precisando poi che senza tale piano si genera, invece, una «mancanza di trasparenza». Dal canto suo Thomas Giedemann del Sindacato del personale dei trasporti (Sev) ha ricordato che lo scorso novembre il Consiglio federale, rispondendo a un’interpellanza del consigliere nazionale socialista Bruno Storni, ha affermato che in futuro si aspetta un aumento sia del traffico passeggeri, sia di quello merci e quindi anche dei posti di lavoro a livello svizzero dedicati alla manutenzione. Il sindacalista si è così chiesto come mai le Ffs ora vogliono «smantellare» impieghi nel nostro cantone: «Questo tipo di lavoro ha un futuro e chiediamo quantomeno di mantenere i posti in Ticino», ha sottolineato, riferendosi ovviamente alla manutenzione dei carri merci.

Le competenze devono essere sfruttate appieno

Durante la conferenza stampa è stato più volte ribadito che la scelta delle Ffs di spostare dall’anno prossimo la manutenzione degli Astoro a Bellinzona è ben accetta. Quello che preoccupa è la ‘compensazione’ prevista, ovvero l’abbandono dei treni merci. In questo modo si rinuncerebbe non solo alla manutenzione dei carri, ma anche delle relative componenti. In realtà le Ffs avevano indicato che le lavorazioni sulle componenti sarebbero continuate a essere svolte a Bellinzona. La CoPe dubita però seriamente che sarà così, visto avrebbe poco senso effettuare la manutenzione dei carri in un luogo e quella delle componenti in un altro. Inoltre, «attualmente abbiamo una struttura organizzativa che funziona e gli operai che lavorano su questi mezzi hanno già il know-how», ha rilevato Cozzaglio. Competenze che, spostando la manutenzione, sarebbero non sfruttate appieno. Insomma, l’obiettivo è quello di «mantenere e aumentare i posti di lavoro». E questo anche se le Ffs hanno già annunciato da tempo che nel nuovo stabilimento di Castione saranno impiegati 230 operai, al posto degli attuali 400 circa.

Leggi anche:

Officine Bellinzona: via i merci anzitempo, arrivano gli Etr

Officine di Castione, piano industriale (solo) a metà 2021

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
23 min
Capanna Cremorasco pronta per la primavera
I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Ticino
5 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
5 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
12 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
13 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
15 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
17 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
18 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
20 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
© Regiopress, All rights reserved