laRegione
laR
 
23.02.21 - 19:19

Fusione Bassa Leventina, ‘qui c’è chi vede solo incertezza’

Il sindaco di Personico analizza il voto contrario del Consiglio comunale: ‘Non si è capito che a medio termine unire le forze premia’

fusione-bassa-leventina-qui-c-e-chi-vede-solo-incertezza
Al centro Emilio Cristina (sindaco di Personico) con a sinistra il sindaco di Bodio Stefano Imelli e a destra il coordinatore della Commissione di studio Renato Scheurer (municipale di Giornico).

La risposta è rapidissima (al secondo squillo) e la premessa è lapidaria: «Poche domande perché non sono di luna buona». Ma nonostante il sindaco di Personico mastichi amaro, è molto disponibile a ragionare sull’accaduto. Il ‘suo’ Consiglio comunale lunedì sera con soli 5 voti favorevoli e 14 contrari ha preavvisato negativamente il progetto aggregativo della Bassa Leventina elaborato coinvolgendo nella commissione di studio anche Pollegio (pure contrario, ma non è una sorpresa avendo il Municipio mostrato, a maggioranza, pollice verso già in partenza), Bodio e Giornico (favorevoli). Lo scetticismo a Personico era rimasto – almeno per quanto è riuscito a filtrare oltre le pareti istituzionali – sottotraccia; ecco perché scriviamo di un esito negativo a sorpresa. «Invece me l’aspettavo – spiega Emilio Cristina – perché dal Legislativo non sono mai giunti segnali positivi. Le opinioni messe nero su bianco nei rapporti delle commissioni Gestione e Petizioni non lasciavano presagire altre soluzioni». In particolare la Petizioni all’unanimità ha invitato il plenum a rigettare il progetto, mentre la Gestione lo ha fatto a maggioranza (tre contro due). Su dieci consiglieri otto contrari e due favorevoli, ciò che si è rispecchiato nello scrutinio finale. «La strada era dunque parecchio in salita e non mi facevo troppe illusioni», rileva Emilio Cristina.

Giù le mani dal moltiplicatore

No secco dunque ma preceduto da un lungo dibattito in sala, diversamente da quanto accaduto negli altri tre Comuni dove si è deciso in tempi relativamente rapidi. Un lungo dibattito che non ha contribuito a modificare le opinioni pre-costituite. Il sindaco evidenzia come un concetto, più di tutti, abbia maggiormente condizionato le riflessioni: «La sensazione che l’aggregazione non sia un'opportunità di crescita ma semmai un salto nel buio fra tante incertezze. Ecco, il termine ‘incertezza’ è risuonato parecchie volte lunedì sera». Concretamente, incertezza «dettata dalla difficoltà nel vedere, in un matrimonio a quattro, prospettive di crescita e consolidamento del nostro benessere acquisito». In soldoni, uno dei timori è stato quello di vedere minacciato il moltiplicatore d’imposta che attualmente a Personico si situa al 90% e che la Commissione di studio ha indicato per il nuovo Comune aggregato al 95%, se non addirittura al 100, temono gli scettici, secondo i quali per riuscire a mantenerlo al 95 bisognerebbe investire poco e tagliare con la scure la spesa corrente. «Alla fine la sensazione che non vi siano certezze ha purtroppo fatto presa. E a nulla è servito ribadire che ogni aggregazione comunale porta con sé una certa dose d’incertezza. Che però è meno pesante, secondo me, dei rischi che si correranno restando ognuno per conto proprio».

‘Le nubi all'orizzonte già si vedono’

Il tempo dirà chi ha ragione. «Ma è proprio il tempo – obietta Emilio Cristina – secondo me uno dei punti centrali su cui non si è voluto ragionare a sufficienza. Se guardiamo alla nostra piccola realtà, sul breve termine posso senz’altro dire che andrà tutto ancora abbastanza bene. Ma è sul medio e lungo termine che i problemi andranno a pesare maggiormente di quelle che oggi, secondo la maggior parte dei consiglieri, costituiscono delle incertezze negative ai fini di un’aggregazione. Le nubi, all’orizzonte, già si vedono». Fuor di metafora le nubi sono, elenca il sindaco, «la continua evoluzione della spesa, il conseguente maggior impegno che sarà richiesto all’amministrazione comunale, poi la riforma Ticino 2020 e la conseguente modifica del sistema perequativo».

Aspettando gli effetti di ‘Ticino 2020’

Concetti, gli ultimi due, che il Consiglio di Stato riassume così nel portale del Cantone: “La riforma dei rapporti fra Cantone e Comune non mira a semplici correttivi. Partendo da una nuova geografia comunale disegnata dal Piano cantonale delle aggregazioni, s’intende revisionare strutturalmente i compiti e i flussi esistenti, che implicheranno a loro volta la riconfigurazione del sistema perequativo - perno della storica solidarietà fra i Comuni stessi - e la riorganizzazione dell'amministrazione cantonale e comunale”. Tradotto: chi non s’aggrega, chi non cambia passo, chi non guarda oltre l’uscio di casa resta al palo.

‘L'unione fa la forza’

«In particolare la riforma della perequazione, prevista nel 2023, si tradurrà nel nostro caso in minori introiti, che come ben sappiamo sono di vitale importanza. Lo stesso varrà per noi e per i Comuni vicini – avverte Emilio Cristina – se non si accetterà di unire le forze. Perché è chiaro che l’unione, in questo preciso contesto, fa la forza». Messaggio chiaro, ribadito ancora in sala lunedì sera dal Municipio, ma non recepito dalla maggioranza del Consiglio comunale. I ‘sì’ sono giunti dalla Sinistra e da un esponente del Plr, i ‘no’ dagli altri liberali-radicali e dalla lista civica. A questo punto, conclude il sindaco di Personico, «mi prendo qualche giorno di tempo per ragionare sull’accaduto; poi dovremo sottoporre alla Commissione di studio i risultati delle consultazioni maturate in seno al Municipio e al Consiglio comunale». A sua volta la Commissione invierà il dossier riassuntivo alla Sezione enti locali che al Dipartimento istituzioni vigila sul buon funzionamento degli organi locali. Il dipartimento di Norman Gobbi dovrà quindi fare le proprie valutazioni, considerando la difficoltà di chiamare la popolazione alle urne, il prossimo autunno, di fronte al ‘niet’ espresso da due Legislativi su quattro. L’esito della votazione consultiva farebbe poi da base al messaggio governativo indirizzato al Gran Consiglio. La cui eventuale decisione sarebbe impugnabile con ricorsi e referendum.

Leggi anche:

L’aggregazione della Bassa Leventina incassa due Sì e due No

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
44 min
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
44 min
Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
6 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
7 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
8 ore
Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera
Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
8 ore
In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta
Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
10 ore
Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi
Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
10 ore
AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna
Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
10 ore
Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas
Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Bellinzonese
11 ore
Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso
Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
© Regiopress, All rights reserved