laRegione
12.02.21 - 18:26

Rischio valanghe: sempre chiusa la strada del Lucomagno

La Pro evidenzia le situazioni problematiche di Acquacalda e a nord della galleria dello Scopi, dove sono previste opere di premunizione

rischio-valanghe-sempre-chiusa-la-strada-del-lucomagno
In questi giorni barriera abbassata (Ti-Press)

Tanta neve e un sempre elevato rischio di valanghe impongono all’Associazione Pro Lucomagno, responsabile dell’apertura invernale del Passo del Lucomagno, di mantenere ancora chiusa l'arteria che collega la Valle di Blenio a Disentis. La Pro è infatti chiamata a garantire sia la sicurezza del transito stradale con particolare riferimento al pericolo di valanghe, sia l’organizzazione dello sgombero neve. Ma “purtroppo – evidenzia in un comunicato odierno – a causa degli importanti quantitativi di neve accumulatisi nella regione da inizio inverno e del persistere dei venti in alta quota, malgrado i regolari e tempestivi interventi di distacco artificiale non risulta al momento possibile garantire la necessaria sicurezza di transito”. Malgrado i grandi sforzi intrapresi, da una settimana a questa parte al portale nord della galleria dello Scopi e nella zona di Acquacalda il rischio valangare risulta troppo elevato e impone una chiusura prolungata fino allo stabilizzarsi della situazione. “Gli attuali problemi evidenziano come i previsti progetti di messa in sicurezza della strada (prolungo della galleria dello Scopì verso nord e progetto selvicolturale sul versante sud) permetteranno di aumentare in modo importante la sicurezza della strada”. La Pro Lucomagno evidenzia infine l'impegno di entrambi i Cantoni (Ticino e Grigioni) per “l’impegno mostrato nel promuovere e attuare a breve termine questi progetti”. La situazione viene continuamente monitorata e in caso di miglioramenti “si procederà celermente a una riapertura”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
10 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
10 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
10 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
11 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
11 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
12 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
13 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Mendrisiotto
16 ore
Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto
L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
17 ore
Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde
Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
© Regiopress, All rights reserved