laRegione
31.01.21 - 09:17
Aggiornamento: 15:34

Sette infermiere denunciano: 'Noi, avvelenate sul lavoro'

Dipendenti dell'ospedale San Giovanni, chiedono lumi alle autorità sul nesso tra la preparazione di farmaci chemioterapici e i loro problemi di salute

sette-infermiere-denunciano-noi-avvelenate-sul-lavoro
(Ti-Press)

Sta tutto in una lettera-denuncia di un gruppo di sette infermiere che tra gli anni Ottanta e il decennio scorso ha lavorato nel reparto di chirurgia dell'ospedale San Giovanni di Bellinzona. Tutte, come scritto oggi, domenica, da 'Il Caffè', erano addette anche alla preparazione dei farmaci destinati alla chemioterapia. E tutte si sono ammalate, in tempi diversi; ritrovandosi a combattere contro tumori e malattie autoimmuni. Una battaglia che una di loro, la primavera scorsa, ha perso. Per queste donne esiste un nesso tra quell'incarico e i loro problemi di salute. A tal punto da raccontare le loro vicissitudini all'Ufficio del Medico cantonale, all'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro e alla direzione dell'ospedale.

Non è così, però, per l'ospedale, per il quale, come riferisce il domenicale, "non ci sono prove scientifiche né nessi di causalità. Le loro non sono malattie professionali". Non solo, l’Ente ospedaliero cantonale, a cui fa capo il San Giovanni, afferma che sulla base delle "evidenze scientifiche attualmente disponibili, non si può definire un nesso di causalità diretto conclusivo tra chemioterapici / formaldeide e le patologie sviluppate dalle collaboratrici".

Le sette infermiere, però, sono decise a fare chiarezza e rivendicano il diritto a verificare se esiste una correlazione fra il loro lavoro e le patologie con cui oggi si trovano a fare i conti.

Scatta l'interpellanza Mps

Non si è fatta attendere la reazione dell'Mps, che alla luce di quanto riferito dal domenicale ha chiesto lumi al Consiglio di Stato con un'interpellanza sottoscritta dai deputati in Gran Consiglio Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori. I deputati chiedono se il CdS è stato informato dal ministro Raffaele De Rosa di questa vertenza, se il Governo non ritiene opportuno imporre al Cda dell'Eoc di assumersi le proprie responsabilità verso le dipendenti che hanno subito delle malattie professionali. Inoltre, viene chiesto al CdS, se non ritiene opportuno imporre al Cda dell'Eoc di intraprendere "tutti i passi necessari per informare tutto il personale, che in passato o ancora attualmente è entrato in contatto con sostanze nocive, delle misure di prevenzione o accertamento d’eventuale malattie professionali".

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
18 min
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
1 ora
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
1 ora
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
3 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
6 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
6 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
6 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
16 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
17 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
20 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
© Regiopress, All rights reserved