laRegione
laR
 
30.12.20 - 05:50

Pmi e Sa in difficoltà a Bellinzona, altri aiuti in vista

Covid-19: un nuovo strumento di sostegno economico potrebbe essere introdotto dalla Città. Finora concessi 28 prestiti a imprese in Città e nei quartieri

pmi-e-sa-in-difficolta-a-bellinzona-altri-aiuti-in-vista
Un aiuto anche per i commerci cittadini (Ti-press)

Entro breve a Bellinzona potrebbe essere varato un nuovo strumento di sostegno economico a favore delle piccole e medie imprese, nonché commerci e ristorazione, in difficoltà a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria. Dopo gli aiuti d'emergenza concessi quest'anno dalla Città sotto forma di prestiti a tasso zero, per i casi di rigore potrebbe aggiungersi nel 2021 un secondo pacchetto che includerebbe anche contributi a fondo perso. La proposta arriva dalla Commissione Gestione del Consiglio comunale chiamata a esprimersi all'indirizzo del Legislativo sulla mozione della capogruppo Lega/Udc Lelia Guscio che, sempre nell'ambito dei possibili aiuti all'economia ‘ferita’ dal Covid, chiede la distribuzione a ogni bellinzonese di un buono acquisto di 20 franchi da spendere nei commerci locali. Soluzione, questa, che raccogliere il parere critico e negativo sia del Municipio, sia della Gestione. Nel rapporto firmato da Ivan Ambrosini del Ppd, la commissione coglie l'occasione per proporre la riattivazione del fondo straordinario, che andrebbe ad aggiungersi al nuovo contesto di aiuti proposti da Berna e dal Cantone, tra cui le indennità per lavoro ridotto e perdita di guadagno, nonché prestiti senza interessi con garanzia da parte della Confederazione. Fra le condizioni per poterne beneficiare, viene citata una riduzione della cifra d'affari nel 2020 di oltre il 40% rispetto alla media degli anni precedenti. Il nuovo fondo cittadino – aggiunge la Gestione – dovrebbe anche prevedere scadenze prolungate e un tetto massimo di 10mila franchi, come già previsto per i prestiti 2020. L’intento, sottolinea il rapporto Ambrosini, è di dare un segnale concreto a favore delle ditte locali. 

La mozionante aderisce, il Municipio atteso a gennaio 

La proposta commissionale, sottoscritta all'unanimità, ha nel frattempo già ottenuto l'adesione della stessa mozionante e dei co-firmatari. Lo scorso settembre il Municipio nelle osservazioni preliminari aveva espresso parere contrario alla mozione. Lo aveva fatto criticando la distribuzione a pioggia di buoni a tutta la popolazione, senza filtri legati al reddito o all’eventuale peggioramento del reddito a causa del Covid-19. L'Esecutivo, ricordiamo, aveva mostrato pollice verso anche sulla proposta dell'Mps di consegnare mascherine e disinfettante gratuiti a tutta la popolazione. In questo caso, sottolineando anche le altre misure decise nel corso del 2020 quali il condono dei canoni d'affitto e della tassa d'uso pubblico a favore dei commercianti e ristoratori, nonché il sostegno alle ditte che assumono apprendisti, il Municipio ha ritenuto insostenibile l’impatto finanziario della mozione sulla gestione corrente (oltre un milione di franchi fra buoni acquisto e spese amministrative generate dalla loro gestione), non da ultimo alla luce del preventivo 2021 che indica un disavanzo di 8 milioni. Come detto, la Commissione della Gestione pur ritenendo pertinenti le osservazioni preliminari del Municipio, non ha voluto preavvisare negativamente la mozione ma anzi proporre misure in grado di colmarne i limiti. Fra questi, viene citato il fatto che i buoni sconto non genererebbero effetti positivi sui problemi delle piccole e medie attività che si trovassero veramente in difficoltà. Quanto ai beneficiari, il Municipio ritiene che la mozione non sia mirata a favore di quelle famiglie che hanno effettivamente visto ridursi la liquidità disponibile per i loro consumi. Spetta ora all'Esecutivo, letta la relazione della Gestione, esprimersi con delle osservazioni definitive attese verso metà gennaio e, successivamente, al Consiglio comunale decidere nel merito.

Chi ha richiesto i prestiti 

Sono intanto 28 le medie, piccole e micro imprese di Bellinzona (quartieri compresi) che hanno richiesto un aiuto comunale poiché in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19. La scorsa primavera il Municipio aveva istituito un fondo di aiuto emergenza all’economia locale di un milione di franchi, con la possibilità di destinare prestiti di 10mila franchi rimborsabili in 36 mesi a tasso zero. Come spiega alla 'Regione' il municipale Mauro Minotti, capodicastero Finanze della Città, il primo programma di aiuti è terminato a fine luglio e sono stati concessi in totale prestiti per 266mila franchi. In particolare, rileva Minotti, l’esecutivo ha concesso prestiti ad aziende attive perlopiù nel centro di Bellinzona, ma anche alcune presenti nei quartieri di Giubiasco e Camorino. Si tratta di attività presenti in più ambiti: ristorazione (6), artigianato (3), moda (3), alimentari (2), parrucchieri ed estetista (2), editoria (2), venditore ambulante (1), negozi (1), take away (1), eventi (1), laboratorio dentistico (1), bar (1), studio di registrazione (1), cinema (1), libreria (1) e agricoltura (1).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
5 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
7 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
7 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
8 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
8 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
8 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
8 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
13 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
14 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
15 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved