laRegione
15.12.20 - 11:57
Aggiornamento: 18:32

'Una donna solare che non aveva nessun motivo per suicidarsi'

Dopo l'interruzione di ieri a causa del crollo emotivo dell'imputato nonché marito della giovane eritrea deceduta, il processo è ripreso questa mattina

una-donna-solare-che-non-aveva-nessun-motivo-per-suicidarsi
Ti-Press

È ripreso questa mattina il processo a carico del 39enne eritreo accusato di aver ucciso la moglie 24enne gettandola dal balcone di una palazzina in via San Gottardo a Bellinzona la sera del 3 luglio 2017. Dopo la sospensione di ieri pomeriggio dovuta al crollo psicologico dell'imputato, oggi l'uomo si sente meglio e il dibattimento ha così potuto riprendere alle ore 9.

Il giudice Marco Villa, presidente della Corte delle Assise criminali, ha quindi continuato l'interrogatorio del 39enne il quale, ricordiamo, si professa innocente sostenendo di aver cercato di salvare la giovane dal suicidio. Villa si è focalizzato sui possibili motivi del gesto estremo della donna: «Perché avrebbe dovuto suicidarsi?», ha chiesto il giudice all’imputato, il quale ha replicato di non essersi mai immaginato che la donna potesse arrivare a tanto. «Se avessi saputo che intendeva suicidarsi, avrei fatto di tutto per evitarlo», ha detto l'uomo. Il giudice ha quindi ricordato come da alcune testimonianze di persone che conoscevano la 24enne (tra le quali il suo medico curante) non emerga nessun pensiero suicida. Testimonianze che descrivono la giovane come una persona solare e intelligente, che voleva continuare gli studi in Ticino dove aveva il desiderio di integrarsi meglio, interessandosi così ad usi e costumi locali. «Questi testimoni non possono sapere nulla di com'era lei nella vita di coppia», ha affermato l'imputato ricordando il «carattere esplosivo» della donna tra le mura di casa e i motivi delle continue discussioni: l'epatite B che la donna aveva contratto e l'aborto alla quale si era sottoposta. Due elementi che, secondo l'accusa sostenuta dal procuratore pubblico Moreno Capella, avevano fatto crescere in lui il sentimento della gelosia, dal momento che collegava la malattia a rapporti sessuali extraconiugali e pensava inoltre che la moglie potesse rimanere di nuovo incinta. «Continuava a telefonare a destra e sinistra», ha poi aggiunto l'uomo, senza tuttavia precisare quali dubbi alimentava in lui tale fatto. A questo proposito, il giudice Villa ha ricordato un interrogatorio in cui l'uomo aveva invece ammesso di essere turbato dall'idea che la moglie potesse tradirlo. 

Ricostruzione della traiettoria del corpo in aria

Si è poi passati alla perizia effettuata dall’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna, le cui conclusioni ritengono verosimile la tesi dell’uccisione. Nell'ambito dei lanci di un manichino dallo stesso balcone dal quale è precipitata la 24enne, è emerso che, anche nell'ipotesi in cui l'uomo fosse riuscito a trattenere la moglie per il polso mentre quest'ultima si trovava a cavalcioni sul parapetto sul terrazzo, le simulazioni hanno dimostrato che il corpo della donna non avrebbe mai raggiunto la velocità necessaria per coprire la distanza (poco più di tre metri) tra il balcone e il luogo in cui è stata trovata la vittima. Luogo, ha aggiunto Villa sempre riferendosi alla perizia ordinata dal pp, che è invece stato raggiunto con il lancio o la spinta del manichino. Il giudice Villa ha infine ricordato le escoriazioni rinvenute sulle braccia dell'imputato che lascerebbero pensare a un tentativo di difesa da parte della moglie. 

Della perizia di parte, affidata all’Istituto di scienze forensi di Milano, parlerà l’avvocato difensore Manuela Fertile durante la sua arringa. Ricordiamo che gli esperti lombardi ritengono credibile la versione del suicidio. 

Il processo continuerà oggi pomeriggio e domani, con la sentenza che dovrebbe essere pronunciata settimana prossima. 

 

 

Leggi anche:

Eritrea morta, da oggi il marito alla sbarra

Eritrea morta, l'imputato necessita di una terapia ansiolitica

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
30 min
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
16 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
17 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
18 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
18 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
19 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
© Regiopress, All rights reserved