laRegione
18.09.20 - 11:07
Aggiornamento: 15:48

Sei arresti per eroina e cocaina a Bellinzona e Tre Valli

Due inchieste hanno permesso di stroncare importanti attività di traffico e spaccio. Sequestrata parecchia sostanza

sei-arresti-per-eroina-e-cocaina-a-bellinzona-e-tre-valli

L'intensa attività operativa e investigativa della Polizia cantonale, in particolare del Servizio antidroga con a supporto alcune Polizie comunali, ha visto nei giorni scorsi giungere a conclusione due inchieste antidroga che hanno interessato in particolare il Bellinzonese e alcune zone delle Tre Valli, portando a sei arresti e al sequestro di importanti quantitativi di sostanze illegali. “Questo a testimonianza della sempre alta attenzione, da parte del Ministero pubblico e della Polizia, nel contrasto dei reati legati al traffico e allo spaccio di stupefacenti in Ticino”, si legge in un comunicato stampa. Entrambe le inchieste, nelle quali non figurano coinvolti dei minorenni, sono coordinate dal sostituto procuratore generale Nicola Respini.

Lupo solitario poco collaborativo

La prima inchiesta, svolta in collaborazione con le Polizie comunali di Bellinzona e di Biasca, ha visto finire in manette un 39enne cittadino dominicano residente a Bellinzona (di professione autista per una ditta di trasporti del Locarnese) e un 27enne svizzero domiciliato nella regione. Inizialmente gli inquirenti hanno ritenuto che fosse quest'ultimo il perno dello spaccio (in realtà ha avuto un ruolo marginale), per poi invece risalire al dominicano che negli anni scorsi aveva già avuto contatti con suoi connazionali condannati per i medesimi reati, mentre in questo caso sembra aver agito da solo. Scarsa finora la sua collaborazione con gli inquirenti nell'indicare i canali di approvvigionamento (probabilmente Italia). Complessivamente è stato sequestrato oltre un chilo di cocaina con elevato grado di purezza. La principale ipotesi di reato nei loro confronti è quella di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. Una quindicina di consumatori è stata inoltre denunciata a piede libero alla Magistratura. 

Da Biasca a Claro nell'appartamento di una tossicomane 

Nel secondo caso gli accertamenti hanno riguardato un importante traffico di eroina concernente la regione delle Tre Valli e il Bellinzonese (principalmente Claro, Biasca e Bodio). L'inchiesta, svoltasi questa estate in collaborazione con la Polizia comunale di Biasca e con i servizi antidroga della Polizia della città di Bellinzona, ha portato al sequestro di circa 500 grammi di eroina, di alcune migliaia di franchi e di quasi due chili di sostanza da taglio. In totale sono state arrestate quattro persone: si tratta di un 44enne albanese residente a Claro (è lui il principale imputato, trasferito da Biasca a Claro dall'organizzazione albanese che lo riforniva e lo incaricava di trafficare), della 36enne tossicomane e spacciatrice svizzera di Claro che lo ospitava, di un 47enne svizzero domiciliato in Riviera e di un 57enne italiano residente a Bodio. A differenza del dominicano, l'albanese sta collaborando con gli inquirenti. La principale ipotesi di reato a carico dei quattro arrestati è quella di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. Denunciata a piede libero una ventina di consumatori per reati in urto alla Legge federale sugli stupefacenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
41 min
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
3 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
7 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
12 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
22 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
22 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
23 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved