laRegione
ritorno-alla-vita-dopo-l-attentato-il-film-uscira-nel-2021
28 aprile 2011: un attentato dinamitardo di al-Qaida uccide 17 clienti, fra cui tre giovani bellinzonesi, dell'Argana Café di Marrakesh. Tra i 25 feriti una ragazza leventinese.
Bellinzonese
28.09.20 - 06:000
Aggiornamento : 11:03

Ritorno alla vita dopo l'attentato: il film uscirà nel 2021

'Atlas' del regista ticinese Niccolò Castelli prende spunto dalla bomba che uccise tre bellinzonesi e dal percorso affrontato dalla superstite leventinese

La pandemia da Covid-19 ha inciso anche sul mondo del cinema, incluso quello ticinese confrontato con rallentamenti e sospensioni delle produzioni in corso, specie quelle che beneficiano di collaborazioni all’estero. Ne sa qualcosa il regista luganese Niccolò Castelli, autore di cortometraggi, reportage, spot televisivi e video-clip musicali, non da ultimo il film del 2012 'Tutti giù' con Lara Gut fra gli interpreti e il documentario del 2018 ‘Looking for Sunshine’ dedicato alla campionessa di sci ticinese. La nuova ‘fatica’ in fase di ultimazione, che sarebbe dovuta uscire nelle sale cinematografiche la scorsa primavera, è la pellicola ‘Atlas’. Prende spunto da uno dei fatti più drammatici che ha scosso e commosso il nostro cantone. L’anno prossimo ricorrerà il decimo triste anniversario dell’attentato dinamitardo all’Argana Café di Marrakesh che ha ucciso 17 clienti ferendone altri 25. Fra le vittime dilaniate dall'esplosione c’erano anche tre giovani del Bellinzonese recatisi in Marocco per una breve vacanza; salva, ma gravemente ferita, la quarta componente del gruppo. Una volta tornata a casa in Leventina ha affrontato un lungo e difficile ritorno fisico e psicologico a qualcosa che possa somigliare alla normalità.

Nelle sale dieci anni dopo la strage

Da questo suo percorso, affrontato lontano dai riflettori, trae ispirazione il film. «Mancano all’appello pochi minuti che avremmo dovuto girare in primavera fuori dai confini svizzeri», ricostruisce Niccolò Castelli in una chiacchierata telefonica con la ‘Regione’. Ora «siamo in attesa di poterci recare nei luoghi previsti, ma taluni sono considerati zona rossa, altri richiedono comunque periodi di quarantena al rientro in Svizzera. E tutto questo ci sta ancora rallentando». Una tempistica ragionevole indica che il film potrà essere presentato al pubblico nella prima parte del 2021, esattamente dieci anni dopo l’attentato per il quale sono stati condannati alcuni simpatizzanti della rete terroristica al-Queda. Valutazioni sono in corso col distributore internazionale, considerando peraltro il fatto che sono molte le pellicole ‘incolonnate’ nel post lockdown in attesa di un ritorno alla normalità nei festival (che registrano un certo ingolfamento) e nelle sale di proiezione.

Dedicato al difficile cammino di guarigione

Il regista conosceva una delle tre vittime bellinzonesi e in seguito ha potuto incontrare e confrontarsi con la ragazza sopravvissuta. «Non è un film dedicato a lei o alla strage dell’Argana Café – specifica il regista – ma al cammino di guarigione intrapreso verso la ricerca di una nuova esistenza dopo un episodio traumatico. Al primo incontro di otto anni fa ne sono seguiti altri, ho ascoltato le sue speranze e i suoi timori». Ne è nata una bozza che il regista ha affinato in collaborazione con uno sceneggiatore belga. «Poi è venuta a trovarci sul set, l’abbiamo coinvolta in alcune fasi, con molta discrezione ha seguito la maturazione del nostro lavoro. Quanto a me, ho poi voluto ascoltare altre testimonianze di chi ha vissuto eventi analoghi».

La lotta di Allegra

Con riprese effettuate anche lungo le pareti naturali di Chironico e del Sottoceneri, la storia racconta la lunga e dolorosa lotta di Allegra, questo il nome del personaggio principale interpretato dalla giovane attrice bolognese Matilda De Angelis. Appassionata di arrampicata e annientata dal senso di colpa e dal desiderio di vendetta, si ritira nella propria solitudine; i suoi cari sono impotenti e così, per tornare a godere della vita, deve intraprendere una lunga lotta contro se stessa. In questo contesto incontra Arad (interpretato dall’attore tunisino Helmi Dridi), giovane rifugiato mediorientale: la fiducia nel diverso rimane per Allegra un difficile ostacolo. Nel cast figura anche l’italiano Neri Marcorè. La casa di produzione cinematografica Imagofilm di Lugano è coadiuvata dalla ‘Rsi’ e dalla belga Climax Films; tra i finanziatori vi sono l’Ufficio federale della cultura (Bak) e il Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs). In Belgio si svolgono alcune fasi post-produzione; ora che, da alcuni giorni, quel Paese non figura più nella lista rossa, si potrà ultimare quanto manca, in attesa di poter girare gli ultimi tre minuti mancanti. «Fare questo film è stato abbastanza complicato, richiedendo ad esempio riprese sia in estate che in inverno. Il lavoro d’équipe – conclude il regista 38enne – è stato a mio avviso molto soddisfacente. Vedremo quale giudizio arriverà dal pubblico e dalla critica».

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Capanna Gorda verso l'ampliamento
Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
5 ore
Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'
Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
6 ore
Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso
Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
10 ore
‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’
Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
10 ore
Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio
Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
10 ore
Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano
Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
10 ore
Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811
I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
19 ore
Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'
Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
21 ore
Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'
Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
21 ore
Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese
Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile