laRegione
Il leghista Luca Madonna (a sinistra) riceve dalle mani di Davide Pedrioli (Ppd) il 'testimone' per l'ultimo anno di presidenza del Legislativo cittadino
Bellinzonese
30.06.20 - 19:460
Aggiornamento : 22:14

'Credo anche, con qualche riserva, in questo Municipio'

Cambio di presidenza nel Cc di Bellinzona: Davide Pedrioli (Ppd) passa il testimone al leghista Luca Madonna. Votato il consuntivo comunale 2019

Cambio della guardia questa sera al vertice del Consiglio comunale di Bellinzona. Con 44 sì, zero contrari e 5 astenuti (Verdi e Sinistra) il plenum ha designato nuovo presidente per l'ultimo anno di legislatura il leghista Luca Madonna, 57 anni, fresco di Legislativo avendo assunto la carica sei mesi orsono quale subentrante. Riceve lo scettro dal popolare democratico Davide Pedrioli che ha condotto il parlamento cittadino durante gli ultimi dodici mesi. «Nel rappresentare il nostro Comune - ha sottolineato Pedrioli - si entra in contatto con la città che di solito non si percepisce. Occasioni che consentono di capire come funzionano determinati ambiti». Quindi due auspici rivolti ai colleghi: «Nel nostro lavoro ritengo importante non uscire dai paletti della concretezza e mai confondere determinazione con arroganza e pragmatismo con superficialità». Quanto alla qualità del dibattito, Pedrioli ha sottolineato la presenza di un'ampia varietà fra le mura della Turrita, «ma attenti a non sforare nella comicità». Luca Madonna, «leghista da sempre», professionalmente attivo nel settore dei trasporti pubblici, dal canto suo ha espresso il desiderio di vedere presto chiariti i motivi dei superamenti di spesa milionari emersi nelle opere pubbliche. Suo l'invito a non eccedere negli investimenti, «laddove vi sia un po' di spazio per la riduzione del moltiplicatore d'imposta». In cosa crede? «Nella stretta di mano, negli amici, in chi ammette gli errori, nelle famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese, nella giustizia e, con qualche riserva, anche in questo Municipio che cercheremo di aiutare ad uscire dalle presenti difficoltà». Alla carica di vicepresidente è stato designato con voto unanime il liberale-radicale Vincenzo Mozzini. New entry, in casa Plr, Enza Cappelletti De Rosa che subentra a Federico Rossini.

Aspettando il Parco urbano

Piatto forte della seduta odierna - una volta evasi consuntivi comunali 2019 (avanzo d'esercizio 2 milioni) e degli enti autonomi Musei, Teatro, Sport, Carasc e Amb - è la prosecuzione della realizzazione del Parco urbano all'ex campo militare con la seconda e terza tappa, rispettivamente di 1,9 e 1,4 milioni. Nel primo caso fra le opere previste vi sono anche la trasformazione dello specchio d’acqua in una fontana con giochi d’acqua dinamici, la posa dell'albero del vento (già avvenuta) e l'illuminazione dell’area multifunzionale e quella dei giochi d’acqua, ma non il nuovo collegamento sopraelevato alla passerella del confinante Bagno pubblico inizialmente inserito nel progetto e poi abbandonato; il secondo messaggio mira alla realizzazione del ritrovo pubblico Café du Parc. A vuoto, in apertura di seduta, il tentativo del gruppo Lega/Udc di chiedere lo stralcio dei due crediti dall'ordine del giorno, ritenendo necessario attendere l'esito dei due audit avviati dal Municipio per far luce sui superamenti di spesa per Policentro della Morobbia, Stadio comunale e Oratorio di Giubiasco. La proposta di rinvio è stata bocciata con 31 no, 18 sì e un astenuto.

Conti 2019 positivi (e votati) ma difficoltà in arrivo

Ivan Ambrosini, capogruppo Ppd e relatore della Commissione Gestione, intervenendo sul consuntivo 2019 - infine approvato con 47 sì, 3 no e due astenuti - ha rimarcato la preoccupazione verso quanto «ci aspetta con le prevedibili minori entrate fiscali, pari a 5-6 milioni annui, annunciate a seguito dell'emergenza Covid». Perciò «è necessario ottenere in tempi ragionevoli l'aggiornamento del preventivo 2020 e del piano delle opere e degli investimenti, per capire come sarà possibile affrontare il consolidamento e lo sviluppo della città aggregata», pur considerando che il capitale proprio per i progetti strategici ha raggiunto quota 54 milioni e che sono pure a disposizione i 20 milioni promessi dal Cantone in ottica aggregativa. Sulla stessa lunghezza d'onda - con analoghe preoccupazioni relative anche ai 5 milioni di sorpassi di spesa nelle opere pubbliche oggetto di audit - i portavoce di Plr e Sinistra. Dal canto suo il gruppo Lega/Udc, ha elencato Lelia Guscio, visti i chiari di luna chiede «da subito il contenimento della spesa, il rinvio dei progetti non prioritari come le fasi 2 e 3 del Parco urbano, e un sostegno tangibile alle attività che rischiano di scomparire, tramite buoni acquisti da usare nei piccoli commerci». Sul fronte opposto, quello dell'Mps, Monica Soldini ha portato in sala «il malumore che serpeggia fra i dipendenti comunali e fra i docenti, sia per il peggioramento delle prestazioni pensionistiche, sia perché molti non si ritengono messi nelle condizioni di svolgere al meglio il proprio lavoro». Secondo il sindaco Mario Branda, per contro, a tre anni dall'aggregazione «siamo sulla buona strada. Oggi le finanze sono sotto controllo e, pur con qualche difficoltà, limiti ed errori, ciò conferma che le previsioni negative di taluni non si sono avverate. Si sono anzi gettate le basi per procedere con investimenti consistenti partendo da un moltiplicatore invariato al 93% e un capitale proprio rafforzatosi passando da 48 a 54 milioni. Peccato che taluni politici, dipendenti e funzionari non abbiano ancora interiorizzato la nuova realtà comunale che richiede diverso tempo per consolidarsi».

TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, bocciate le mozioni sul centro sociale
Il concorso di progettazione per la riqualifica dell'ex macello ha sgomberato le richieste di anticipare i tempi sloggiando gli autonomi.
Luganese
3 ore
Carona, affossata la biopiscina
Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'
Ticino
5 ore
L'Eoc chiede ai dipendenti come impiegare le donazioni Covid
L'Ente ospedaliero apre un concorso di idee presso i propri collaboratori su come usare quasi 4 milioni per migliorare condizioni di lavoro e servizio
Ticino
6 ore
Tecnologia, sarà la luce la banda larga del futuro
Le antenne 5G non fanno l'unanimità dell'opinione pubblica e degli specialisti. Ecco allora il sistema alternativo 'Li-Fi'
Ticino
6 ore
Responsabilità, azioni od omissioni: il mandato della Cpi
Ex funzionario Dss, a settembre il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà sull'istituzione della Commissione d'inchiesta. Guerra: nessun processo
Luganese
6 ore
Capriasca, ok ai 10 milioni per la scuola
Il Consiglio comunale dà luce verde al credito tanto atteso. È il più ingente investimento dall'aggregazione del 2001
Luganese
7 ore
È lo chef Peter Raith la vittima di Morcote
Il ristoratore, 65 anni, era noto per la sua lunga esperienza. Da qualche anno dirigeva la brigata dell'Antico grotto Ticino alle Cantine di Mendrisio
Bellinzonese
8 ore
Permessi: condannati ex funzionario e fratello dell'impresario
Pene pecuniarie sospese per i due imputati reoconfessi nella vicenda dei certificati falsi, destinati a operai kosovari, tra il 2014 e il 2016
Grigioni
8 ore
Moesano, imprese edili indagate a rischio espulsione dalla Ssic
La Società impresari costruttori svizzera annuncia che espellerà le tre imprese se i sospetti di accordi cartellari fossero confermati
Ticino
9 ore
Gestione dei rifiuti, tre Comuni ricevono l'Okkio d'oro
Premiati i regolamenti di Losone, Monteggio e Brusino Arsizio. 'Sgridati' invece l'Ufficio dei rifiuti (Territorio) e la Sezione enti locali (Istituzioni)
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile