laRegione
laR
 
15.06.20 - 17:32

Il terzo binario a Bellinzona 'non porterà più treni merci'

Le rassicurazioni del Municipio, sulla base delle informazioni Ffs, in risposta agli aspetti critici evidenziati dai Verdi in Consiglio comunale

il-terzo-binario-a-bellinzona-non-portera-piu-treni-merci
A destra la linea ferroviaria, a sinistra la palestra delle Scuole sud toccata dall'inquinamento elettromagnetico (Ti-Press)

In attesa di conoscere il destino delle 27 opposizioni interposte un anno fa da più privati ed enti all'Ufficio federale dei trasporti contro il progetto di terzo binario a Bellinzona con tanto di nuova fermata in piazza Indipendenza, il Municipio di Bellinzona risponde alle... 26 domande sottopostegli dai consiglieri comunali Verdi Marco Noi e Ronnie David. Ribadendo di aver a sua volta impugnato due punti del progetto (il superamento del limite di elettrosmog nella palestra delle Scuole sud e gli 800'000 franchi proposti dalle Ffs per indennizzare la Città proprietaria dell'edificio sede del Dicastero opere pubbliche e ambiente, destinato alla demolizione, a fronte di una stima comunale che indica una cifra di 1,93 milioni) l'Esecutivo difende il progetto volto ad assicurare il potenziamento dei collegamenti regionali Tilo (con una cadenza ogni 15 minuti verso Locarno e Lugano) costretti a convivere con il traffico merci. Quest'ultimo, viene ribadito, "non aumenterà a causa del terzo binario". In base alle garanzie fornite dalle Ferrovie, "indipendentemente dalla realizzazione del terzo binario completo tra Bellinzona e Giubiasco, in nessun caso saranno aggiunte tracce per i treni merci oltre a quelle già esistenti con le gallerie di base del San Gottardo (già aperta) e del Monte Ceneri (dal 2020)" completate con l'adattamento del resto dell’infrastruttura ferroviaria nazionale in base al concetto di Corridoio 4 metri. Opere che nel loro insieme "determinano il limite tecnico della ferrovia".

Aspettando la circonvallazione sul Piano

Detto in altre parole, l'incremento del traffico merci sud-nord che per ora passa ancora dal centro di Bellinzona, "è legato all'apertura delle due gallerie di base Gottardo e Ceneri e al completamento del Corridoio 4 metri" che ha già conosciuto una tappa anche a Bellinzona con l'adeguamento della galleria di Svitto sotto Montebello e sotto il riale Dragonato. Tutto questo fintanto che AlpTransit non verrà completata con la prevista circonvallazione del Bellinzonese da 2,5 miliardi di franchi inserita dalla Confederazione nel Piano settoriale dei trasporti con messa in esercizio "ipotizzata soltanto a lungo termine". E questo malgrado il Municipio lo confermi essere "un obiettivo da perseguire inderogabilmente e più volte lo abbia perorato, e ancora lo farà a ogni occasione utile, presso le autorità cantonali e federali". Quale il risultato ottenuto? "Il Consiglio di Stato - spiega il Municipio - ha inserito la circonvallazione nelle proprie richieste sull'ultimo piano di sviluppo della rete ferroviaria nazionale e, ultimamente, anche il Consiglio federale parrebbe mostrare una certa apertura, anche se le risposte alle ultime sollecitazioni in Consiglio nazionale parrebbero focalizzarsi sul tratto a sud di Lugano". A ogni modo "per decisioni prese a livello federale diversi anni fa e ancora con l’ultima adozione del Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria 2035, i relativi crediti per procedere alla sua realizzazione non sono ottenibili prima del 2040". Da qui "la volontà di cogliere l’opportunità, finanziata dalla Confederazione, di già riuscire a potenziare nel breve periodo la linea per il trasporto pubblico regionale, senza influire sulla disponibilità di tracce per i treni merci".

Le soluzioni per l'elettrosmog

Quanto agli interrogativi posti dai Verdi su questioni puntuali, il Municipio ricorda che le Ffs hanno assicurato di poter fa rientrare nei limiti di legge - grazie ad accorgimenti tecnici e di schermatura - l'elettrosmog previsto dalla nuova linea di contatto per il terzo binario. Oltre alla palestra delle Scuole sud sono toccate da questo problema, nel tratto fra Bellinzona e via Saleggi, altri sette luoghi cosiddetti 'a utilizzazione sensibile' per i quali è richiesto il rispetto dei limiti.

Mura di Montebello e vicinanze sorvegliate speciali

Altro punto sensibile, le mura protette di Montebello (patrimonio Unesco) che si ergono appena sopra la galleria di Svitto già adeguata al corridoio 4 metri e quella nuova, parallela, che verrà realizzata accanto. Mentre alcuni anni fa molti dubbi erano emersi in seno al Club Unesco Ticino, che aveva sollecitato approfondimenti, ora viene ribadito che il rapporto geologico, sondaggi, altre indagini e la verifica allestita da un perito indipendente, "non hanno riscontrato elementi inadeguati nella parte di progetto della galleria". Questa prima fase "ha portato all’allestimento di un articolato Rapporto d’impatto monumentale di concerto tra Ffs, Città, Cantone e Confederazione con il coinvolgimento dell’Ufficio cantonale dei beni culturali e dell’Ufficio federale della cultura, poi sottoposto all’Unesco che lo ha preavvisato positivamente tramite il proprio Consiglio internazionale su monumenti e siti". Per i monumenti Unesco e per gli altri edifici limitrofi al progetto, iscritti nell’inventario cantonale dei beni da salvaguardare, le Ffs "hanno inoltre allestito uno specifico concetto di sorveglianza, che prevede un monitoraggio costante durante i lavori, con differenti livelli d’intervento a seconda della necessità".

Cinque anni e mezzo di cantiere

Nella fase di scavo del secondo tunnel di Svitto lungo 300 metri - aggiunge il Municipio - sono da prevedere nell'arco di un anno otto microbrillamenti al giorno; non sarà invece usata alcuna fresatrice, essendo la galleria troppo corta. Perizie gestite dalla Commissione federale di stima hanno peraltro escluso danni alle proprietà causati dall'adeguamento del primo tunnel; monitoraggi saranno eseguiti anche prima, durante e dopo il cantiere per il secondo. Cantiere la cui durata sarà complessivamente di 5 anni e mezzo, nuova fermata inclusa. Il via-vai di camion sarà contenuto in 16 movimenti giornalieri su una strada, via Lugano, che già registra quotidianamente circa 10mila passaggi di veicoli. Il materiale di scavo non sarà perciò evacuato via treno o nastri trasportatori, come suggerito dagli interpellanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
8 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
9 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
10 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
12 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
12 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
12 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
13 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
14 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
16 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved