laRegione
18.05.20 - 15:38
Aggiornamento: 19.05.20 - 18:03

'Il Consiglio di Stato intervenga per prevenire la violenza di genere'

Dopo il grave fatto di sangue di Giubiasco, i deputati del Movimento per il socialismo chiedono al governo di disporre una serie di misure specifiche

il-consiglio-di-stato-intervenga-per-prevenire-la-violenza-di-genere

"Realizzare, finalmente, una politica seria e coordinata per combattere e prevenire la violenza di genere". È quanto sollecitano, attraverso una mozione inoltrata al Consiglio di Stato, i deputati del Movimento per il socialismo (Mps) Angelica Lepori, Simona Arigoni e Matteo Pronzini l'indomani del grave fatto di sangue avvenuto a Giubiasco. Un delitto - scrivono i deputati - che "è prima di tutto un femminicidio, vittima predestinata la donna rea di aver abbandonato il marito, di aver fatto scelte personali e di vita indipendenti".

Per l'Mps "i posti nelle strutture di accoglienza per donne maltrattate sono ancora troppo pochi, i sistemi di prevenzione e di richiesta di aiuto sono insufficienti. Le donne vittime di violenza hanno bisogno di ascolto e di tempo, di poter decidere tranquillamente come agire e cosa fare di capire cosa un’eventuale denuncia comporta per la sua vita e il suo futuro". Per i deputati "tutto questo non può risolversi con una semplice chiamata alla polizia che eventualmente agisce nell’immediato (allontanando momentaneamente l’uomo violento), ma non permette di dare un sostegno duraturo e che accompagni le donne nelle loro scelte, molto spesso difficili". 

Affermando che "in questi ultimi anni la politica del cantone si è limitata a 'mettere una pezza' dove possibile, ad agire sull’emergenza senza veramente mettere in campo una politica di prevenzione della violenza e di sostegno attivo delle donne vittime della stessa", l'Mps chiede al Consiglio di Stato di attivare "una hotline dedicata alle donne vittime di violenza attiva 24/24 alla quale risponda personale, prevalentemente femminile, formato in ambito di violenza domestica". Si chiede inoltre "l’attivazione, in collaborazione con i comuni, di sportelli rivolti alle donne vittime di  violenza sparsi su tutto il territorio cantonale" e "la realizzazione di una sorta di 'reddito contro la violenza' che preveda forme di sostegno finanziario per le donne che decidono di interrompere una relazione violenta". 

Leggi anche:

Tre morti in piazza Grande a Giubiasco: delitto passionale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
5 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
6 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
6 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
6 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
8 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
8 ore
‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’
L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Luganese
11 ore
Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano
Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Ticino
1 gior
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
© Regiopress, All rights reserved