laRegione
16.11.19 - 06:00

Albergo Posta di Olivone: servono 6-8 milioni

Dallo studio di fattibilità emerge che l'inserimento sul mercato è molto oneroso. La cooperativa cerca interessati a subentrare

di Samantha Ghisla
albergo-posta-di-olivone-servono-6-8-milioni
Ti-Press

Puntare sul turismo legato alle attività nella natura, instaurando sinergie con i progetti già realizzati o in divenire sulla via del Lucomagno, come il nuovo centro per lo sci nordico a Campra, il rilancio estivo di Campo Blenio, il centro Pro Natura di Acquacalda, la valorizzazione del Polisport e le attività alla capanna Gorda. È questo in sintesi l’indirizzo indicato dallo studio di fattibilità che ha sondato la possibile riapertura dell’Albergo Posta di Olivone, in alta Valle di Blenio. Acquistata dalla Cooperativa Albergo Olivone & Posta con una parte di capitale proprio finanziato dai tre Comuni bleniesi (in primis Blenio con 250mila franchi) per creare un’impresa sociale, la struttura alberghiera si trova attualmente alla ricerca di persone disponibili a prendere in mano il progetto.

Investimento importante

Come spiegato mercoledì sera in occasione dell’assemblea dei soci – a cui hanno partecipato anche rappresentanti degli esecutivi bleniesi – il Consiglio di amministrazione ribadisce la necessità di trovare nuove forze, in particolare alla luce di quanto emerge dallo studio effettuato dall’Hospitality manager di Ticino Turismo Emanuele Patelli in collaborazione con l’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e valli. L’esito dello studio di fattibilità è infatti chiaro: per fare in modo che il rilancio dell’hotel abbia successo è necessario un investimento oneroso, almeno 6-8 milioni. Soldi di cui la cooperativa non dispone.

Appartamenti in affitto e bike hotel

Entrando nel dettaglio di quanto studiato dagli esperti del settore, non è stata ritenuta valida l’ipotesi di effettuare una ristrutturazione dell’albergo con un semplice aggiornamento dello stabile e un investimento quindi contenuto. L’apertura di prova per circa sei mesi nel corso del 2018 non aveva dato i risultati sperati. Anzi, gli affari erano andati male erodendo il capitale della cooperativa. L’unica alternativa, ha stabilito la studio, è il riposizionamento sul mercato in base al turismo di tendenza. Per fare ciò viene proposta la ristrutturazione a due livelli: da una parte trasformare gli spazi dell’attuale hotel in appartamenti da affittare per soggiorni di vacanza; dall’altra realizzare un nuovo corpo con camere apprezzabili dai clienti amanti delle passeggiate nella natura e della bicicletta (in modo da poter essere considerato un bike hotel). Il tutto, come detto, in rete con le altre proposte turistiche presenti sul territorio.

Un ruolo attivo dei Comuni?

Contattato dalla ‘Regione’, il membro del Cda Antonio Conceprio sottolinea che andando in questa direzione il progetto ha del potenziale. «Il problema è trovare chi lo può portare avanti – afferma –. La cooperativa ha sottolineato fin dall’inizio di voler avviare il progetto ma di non avere né le competenze né il tempo per continuare anche nella fase esecutiva». L’impegno del Cda – i cui membri fanno parte del Consiglio di fondazione della Quercia – è infatti attualmente impegnato nel futuro del polo sociosanitario di Acquarossa. La ricerca di subentranti, rimasta finora infruttuosa, è stata sottoposta anche agli enti comunali. Prima di prendere una decisione su un possibile ruolo attivo nel progetto i Municipi dovranno però discutere del tema al loro interno e verosimilmente in seno all’Associazione dei Comuni della valle. Tra le possibilità, aggiunge Conceprio, vi è anche l’assunzione di una figura professionista che abbia il ruolo di project manager o la ricerca di privati interessati. «Serve una svolta – aggiunge Conceprio – perché vogliamo evitare il fallimento della cooperativa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
31 min
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
2 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
7 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
12 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
22 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
22 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
23 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved