laRegione
29.10.19 - 11:23

Picchiò la figlia sulle parti intime, condannata

In preda a uno scatto d'ira, la madre l'aveva colpita con un mestolo da cucina. Oggi in aula penale, la donna di 35 anni si è pentita.

a cura de laRegione
picchio-la-figlia-sulle-parti-intime-condannata
Ti-Press

È stata condannata a 20 mesi di detenzione sospesi per due anni la 35enne portoghese che nell'ottobre del 2017 aveva colpito la propria figlia di quattro anni con un mestolo da cucina in legno sulle parti intime. La donna è stata ritenuta colpevole di lesioni semplici qualificate, violazione del dovere di assistenza o educazione ripetuta e vie di fatto qualificate ripetute.

Sono invece cadute le imputazioni contenute nell'atto di accusa di lesioni gravi e mutilazioni di organi genitali femminili, capi d'accusa che la procuratore pubblica Valentina Tuoni aveva aggiunto per dare alla Corte un più ampio ventaglio di possibilità, ma allo stato attuale delle cose non è dato sapere se le azioni della madre potranno avere delle conseguenze sulla sensibilità delle parti intime della figlia, ciò che si potrà sapere solo in età adulta.

La Corte delle Assise correzionali di Bellinzona, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta ha ritenuto la colpa della donna di media gravità. "La donna ha provocato dolore proprio a colei che doveva proteggere", ha affermato il giudice. A favore dell'imputata ha giovato la collaborazione fornita, la scemata imputabilità e il fatto che si sia sottoposta a una terapia per curarsi e riuscire a contente gli scatti d'ira.

È stato proprio in preda a uno di questi momenti di rabbia che la donna aveva picchiato la figlia con il mestolo da cucina. Stando a quanto ricostruito in aula, mentre la donna stava cucinando, la bambina l'aveva chiamata più volte, la madre in preda al nervosismo e a uno scatto d'ira aveva quindi iniziato a colpire ripetutamente la piccola sul sedere e sulle parti intime, facendola sanguinare.

Ultima parola all'imputata

Quando è stata concessa l'ultima parola alla 35enne, questa ha espresso il suo sincero pentimento per l'accaduto. "Voglio tanto bene a mia figlia, è tutto per me e mi dispiace molto per ciò che ho fatto" . Le parti hanno già annunciato di voler rinunciare a ricorrere in Appello. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
5 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
5 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
5 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
5 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
5 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
6 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
7 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
9 ore
Pizzicato al confine con 750mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
© Regiopress, All rights reserved