laRegione
10.10.19 - 15:08
Aggiornamento: 16:44

Legami criminali per una ditta del cantiere AlpTransit?

In un'interrogazione Michele Guerra (Lega) cita presunti "strani legami" – riferiti da alcuni media italiani – tra una delle aziende e famiglie vicine alla mafia

a cura de laRegione
legami-criminali-per-una-ditta-del-cantiere-alptransit
Ti-Press

I presunti legami – riferiti da alcuni media italiani – tra una ditta italiana che ha operato alla galleria di base del Ceneri e società ipoteticamente riconducibili a famiglie vicine alla ‘Ndrangheta calabrese approdano sul tavolo del Consiglio di Stato ticinese tramite un'interrogazione che il deputato leghista Michele Guerra ha depositato ieri sera. L'atto parlamentare prudenziale – che cita alcune testate italiane senza però fare il nome della ditta in questione – ha anticipato di qualche ora la pubblicazione di un comunicato da parte del sindacato Unia che riferisce di intimidazioni subite dall'operaio che in primis aveva denunciato al sindacato e in un servizio di Falò condizioni di lavoro illegali sul cantiere (ora al centro di un'inchiesta penale coordinata dal procuratore pubblico Andrea Gianini). Un atto che chiede, anche alla luce dell’importanza dell’appalto pubblico, se queste gravi informazioni siano vere o false.

Se da una parte sarà compito della magistratura far luce sul presunto impiego di lavoratori distaccati “costretti (così viene detto da Falò) a doppio turno e non remunerati secondo quanto previsto dal Ccl”, dall'altra Guerra ritiene doveroso chiedersi “alla luce dei fondi pubblici investiti” se il presunto legame con famiglie mafiose sia una bufala clamorosa oppure no. In Italia e in Danimarca, sottolinea il deputato citando articoli de ‘Il Fatto quotidiano’ e ‘Il Mattino di Padova’, “questa società risulterebbe aver concesso subappalti (che sembrerebbero smentiti dalla medesima) a ditte che si occupano di armamento ferroviario e apparentemente controllate o guidate o vicine a membri di tali famiglie: almeno così lasciano intendere” (i media italiani ndr).

Vi è poi l’aspetto del contratto quadro siglato dalla ditta con le Ffs per lavori di rincalzatura della rete ferroviaria svizzera. Guerra chiede al Consiglio di Stato se il contratto sia stato firmato con la succursale svizzera dell'azienda oppure (come sostenuto dal servizio di Falò in cui si scoperchiava il vaso di pandora) direttamente con la società italiana. L’importo per questo appalto, si legge nell’interpellanza, ammonta a 20 milioni di franchi spalmati su 10 anni. Nel caso in cui il contratto fosse stipulato con la ditta italiana, Guerra chiede al governo ticinese di attivarsi nei confronti di Confederazione e Ffs.

Il granconsigliere chiede inoltre chiarimenti sulle presunte anomalie (citate da Falò) in termini di ore di lavoro, retribuzioni e buste paga degli operai, sul numero di essi che hanno effettivamente lavorato sul cantiere del Ceneri, se Suva e Ispettorato del lavoro hanno eseguito adeguati controlli di sicurezza e a quanto corrisponde l’eventuale mancato pagamento di imposte alla fonte da parte di queste e altre ditte che erano attive su questo cantiere. L’interrogazione contiene anche una proposta da avanzare all’indirizzo della Confederazione, ovvero la creazione di un database nazionale nel quale censire in modo dettagliato tutti gli appalti pubblici in Svizzera “al fine di verificare una distribuzione omogenea dei mandati”, in particolare per evitare che ditte piccole si aggiudichino importanti lavori contemporaneamente senza avere personale sufficiente.

Leggi anche:

Cantiere AlpTransit: 'Minacciato l'operaio che aveva parlato'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
4 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
5 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
6 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
6 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
7 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
7 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
8 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
8 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
9 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved