laRegione
25.09.19 - 15:47

Lati-Unia, piano sociale per 11 dipendenti licenziati

Raggiunto l'accordo fra il sindacato e il maggiore gruppo lattiero del Ticino con sede a Sant'Antonino: i dipendenti sono ora una quarantina

a cura de laRegione
lati-unia-piano-sociale-per-11-dipendenti-licenziati
Ti-Press

La Lati Sa di Sant'Antonino e il sindacato Unia hanno raggiunto un accordo sul piano sociale di cui beneficeranno undici ex collaboratori licenziati nei mesi scorsi sui complessivi 52 che si contavano al momento del salvataggio della società operato dalla Cooperativa dei produttori di latte della Svizzera centrale, la quale dallo scorso gennaio detiene il 70% delle azioni della maggiore azienda lattiera del Ticino. Il licenziamento – ricordano Unia e Lati nel comunicato trasmesso oggi alle redazioni – è intervenuto “a seguito di modifiche dell'organizzazione aziendale con conseguente riduzione dei posti di lavoro motivata da una situazione finanziaria aziendale molto difficoltosa”. Il piano sociale “si applica unicamente ai collaboratori e alle collaboratrici interessati da cambiamenti aziendali che sono sfociati in un licenziamento”. In un primo momento il provvedimento aveva interessato sette dipendenti, cui se ne sono aggiunti successivamente altri quattro. Questo piano sociale, prosegue il comunicato, “è fortemente voluto dalla nuova proprietà, in qualità di datore di lavoro innovativo, sociale e affidabile, che agisce con il presupposto di mantenere, anche in presenza di situazioni complesse, una collaborazione ottimale con il partner sociale basato sul rispetto e sulla stima reciproci”.

Dalla primavera 2020 nuovi prodotti

Intervistato dalla 'Regione' lo scorso 5 luglio, il presidente del Cda Carlo Croci aveva assicurato «l’impegno nel ricollocare in altre ditte la dozzina di collaboratori licenziati, mentre per una parte della nostra forza lavoro siamo riusciti a individuare soluzioni interne». I tagli hanno toccato i settori nel frattempo chiusi: quello del latte a lunga scadenza Uht (che non risultava competitivo sul piano cantonale e nazionale) e quello delle consegne con furgoni e camion che avrebbe richiesto investimenti troppo onerosi. Il Cda conta infine di entrare sul mercato con nuovi prodotti nella primavera 2020: «Punteremo su prodotti caseari di successo per il nostro mercato e per quello d’Oltralpe, dove contiamo di posizionarci e suscitare interesse grazie alle nuove collaborazioni avviate nel settore della distribuzione». La centrale di Sant’Antonino cambierà dunque regime e uno dei prodotti di punta sarà il latte bio ticinese e corta-media scadenza, circa due settimane.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
5 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
5 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
5 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
5 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
5 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
6 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
8 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
9 ore
Pizzicato al confine con 750mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
© Regiopress, All rights reserved