laRegione
30.07.19 - 06:00
Aggiornamento: 09:47

Situazione di degrado, sequestrati 10 gatti di razza Maine Coon

Tenuti in pessime condizioni in un appartamento, venivano venduti online. Polizia e veterinario cantonale hanno incaricato la Spab di prelevare gli animali

di Katiuscia Cidali
situazione-di-degrado-sequestrati-10-gatti-di-razza-maine-coon
+6

Un altro caso in cui il degrado si intreccia con il commercio di animali. È una scena agghiacciante quella che si è trovata di fronte la Società protezione animali di Bellinzona (Spab) chiamata a intervenire da polizia e veterinario cantonale in un palazzo del Mendrisiotto in una zona a ridosso del confine. Dieci gatti, sette adulti e tre cuccioli di uno o due mesi, spaventati, denutriti, bagnati, vivevano nella sporcizia e in mezzo a urina e feci, in un appartamento non abitato, in condizioni igieniche disastrose. I gatti – di razza Maine Coon, una delle più grandi – venivano fatti riprodurre e poi venduti a basso prezzo su siti online. Una situazione che si presume durasse da parecchio tempo, ma a far scattare l’allarme un paio di mesi fa è stato un caso fortuito: la rottura di una tubatura e l’allagamento dell’appartamento. Ciò che ha fatto sì che intervenisse la polizia che con il veterinario cantonale ha poi decretato il sequestro degli animali, di cui a breve si presume verrà emanato un ordine di confisca. Cattivi odori, miagolii, come è possibile che nessun vicino di casa si sia accorto della situazione? In caso di dubbio, spiega Emanuele Besomi, presidente della Spab, l’invito è di segnalare al veterinario cantonale che può avviare delle verifiche «e così magari possiamo salvare degli animali». In questa vicenda soltanto l’allagamento ha permesso di salvare i gatti. «Erano sottopeso e la situazione igienica era davvero pessima. Il rischio era che iniziassero ad ammalarsi seriamente e senza cure sarebbero sicuramente morti», rileva Besomi. La persona responsabile dei gatti si recava nell’appartamento solo di tanto in tanto per dar loro il cibo. Non si occupava però di separare i più grandi dai più piccoli e dalle femmine, così soltanto i più grossi riuscivano a mangiare. Adesso i dieci Maine Coon sono in buone condizioni di salute e si trovano al Parco gatti della Spab; hanno raggiunto un peso adeguato, sono stati vaccinati, sverminati, muniti di microchip e sterilizzati. Non sono ancora adottabili perché non è ancora stato emanato l’ordine di confisca, ma dovrebbero poterlo essere nelle prossime settimane. Alla luce di questa vicenda, Besomi tiene a far presente che in Svizzera i gatti non mancano e chi ne vuole uno può far capo alle società di protezione animali presenti sul territorio che sono affidabili e riconosciute.

Non fomentare il commercio

Non è la prima volta che il commercio di bestie pone problemi, «la gente vuole tutto e subito e non si preoccupa da dove vengono e in che condizioni vivono gli animali», evidenzia. L’invito è di prestare attenzione a dove si acquistano e, se dove vivono le condizioni igieniche non sono adeguate, non bisogna farsi impietosire acquistando comunque l’animale, ma il caso va segnalato alle autorità competenti (Spab o veterinario cantonale). Di norma, Besomi spiega che quando si compra un cucciolo bisognerebbe sempre poter vedere la madre e il luogo in cui vive. «Bisogna essere scettici anche quando l’animale viene consegnato a domicilio, perché non si può verificare in che condizioni è cresciuto», rileva. Importante è anche ricordarsi che tutti i cuccioli di cane dai tre mesi in su devono essere muniti di microchip. È quindi necessario farsi consegnare una cartella delle vaccinazioni o un passaporto con il numero di microchip, che in Svizzera inizia sempre con la sigla ‘CH’; se c’è un’altra sigla significa che il cucciolo è nato all’estero ed è stato importato in Svizzera. «L’acquirente deve essere attento perché con i suoi acquisti può fomentare questo tipo di commercio», fa presente. Questo genere di mercato riguardava anche il caso di degrado in un appartamento di Locarno, dove lo scorso dicembre un controllo aveva portato alla luce un altro grave episodio di maltrattamento e di presunto traffico illegale di animali: 22 cani erano tenuti in un appartamento completamente vuoto e sarebbero stati quasi sicuramente venduti nel periodo natalizio. Questa vicenda richiama alla memoria anche il caso di Pregassona, dove lo scorso settembre erano stati trovati 18 cani in pessime condizioni, in un appartamento sommerso dai rifiuti, dove vivevano anche cinque persone. Gli animali venivano fatti riprodurre per essere venduti. Non da ultimo, in questi allevamenti improvvisati, il problema è che spesso gli animali si incrociano tra consanguinei, ciò che ne compromette la salute.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
3 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
4 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
5 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
5 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
7 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
7 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
8 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
8 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
13 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved