laRegione
comunita-quercianera-lo-sfratto-apre-nuovi-orizzonti
Bellinzonese
25.09.18 - 06:100

Comunità Quercianera, lo ‘sfratto’ apre nuovi orizzonti

Da febbraio il gruppo di 10 persone vive sui monti di Ravecchia, ma a causa dell'aumento dell'affitto è ora in cerca di una nuova casa dove sviluppare i progetti

Lascerà la sua attuale casa la comunità della Quercianera, l’associazione no-profit con dieci soci attivi che da febbraio vive in uno stabile sui monti di Ravecchia gestendo collettivamente orto, animali e autoproduzione. Il tutto secondo la filosofia della decrescita felice. Cioè rinunciare a una serie di aspetti ritenuti superflui e occupare il tempo con qualcosa considerato come un valore più interiore, «recuperando il saper fare che abbiamo dimenticato». Lavorare meno nei ritmi della società, ma farlo in maniera comunitaria e secondo i ritmi della natura. Dopo la decisione del proprietario di aumentare considerevolmente l’importo dell’affitto, il gruppo è ora alla ricerca di una nuova sede dove instaurarsi, che disponga delle caratteristiche necessarie per dare seguito allo sviluppo vissuto nei primi mesi di attività comunitaria vera e propria. Quindi una casa che si presti ad accogliere più persone, con un ampio terreno per coltivare e allevare gli animali (asini, pecore e galline). «A febbraio ci siamo trasferiti in quella che pensavamo sarebbe stata la nostra casa per molto tempo – ci spiegano Gregorio Costantini e Francesca Fretti, fondatori dell’associazione –. Grazie agli 8’000 metri quadrati di terreno a disposizione abbiamo potuto cominciare a mettere in pratica la vita comunitaria, lavorando collettivamente per la coltivazione (abbiamo un orto che ci dà da mangiare), l’autoproduzione (conserve, pane e uova) e la gestione dei nostri animali. Basiamo i nostri prodotti a dipendenza di quello che abbiamo e ci viene regalato. Per autofinanziarci, cerchiamo di riciclare, riusare e quindi di limitare il più possibile l’uso del denaro, incoraggiando anche il baratto. Alcuni prodotti vengono poi venduti ai soci dell’associazione (circa una ventina che saltuariamente contribuiscono finanziariamente) e a volte anche ai mercati».

‘Vorremmo essere più indipendenti’

Le circostanze a disposizione sui monti di Ravecchia hanno permesso di dare vita a una realtà comunitaria. Ciò che fino a quel punto risultava difficile non avendo a disposizione una sede che fungesse anche da casa, senza terreni adatti all’allevamento e alla coltivazione. «Nei primi anni gestivamo e supportavamo progetti di terzi. La crescita dell’associazione (costituita nel 2013) è stata lenta: in alcuni momenti eravamo solo noi due a sostenere attività esterne. Abbiamo per esempio aiutato una ragazza a organizzare arte libera alla Rotonda a colori di Locarno, organizzato una merenda con teatro nel bosco e pure portato un po’ della nostra visione al Centro giovani di Curio. In Valle Morobbia abbiamo fatto un orto con i bambini della regione e proposto il banco dello scambio durante i rifiuti ingombranti. Dove c’era occasione, dove c’era spazio, abbiamo insomma cercato di portare le nostre idee». Le attività svolte sono state apprezzate dalla gente del posto e dagli escursionisti, «che ne riconoscono il valore. Sui monti abbiamo dato più vita alla zona: molti spazi li abbiamo in gestione noi. Ci prendiamo cura dei prati e del bestiame, praticamente per pura passione». Tutto «fantastico» fino a inizio luglio, quando si sono presentate difficoltà con il proprietario. Di fronte a tale situazione si è deciso di cambiare rotta. «Vediamo il bicchiere mezzo pieno: in fondo abbiamo capito che questo periodo è stato di transizione, un momento per sviluppare i nostri progetti e la nostra filosofia. Dunque ci piacerebbe che lo spazio della nuova casa sia tale per poter progredire, anche con più persone che possano vivere insieme». L’associazione sta valutando l’idea di installarsi in un agriturismo, ristorante o campeggio, di cui vorrebbe occuparsi della gestione. «Potrebbe essere il campo in cui ci ritroviamo perché quasi tutti abbiamo esperienza nel settore. Ci piacerebbe essere più indipendenti e sviluppare una fonte di reddito che possa essere gestita come una società cooperativa».

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Mappo-Morettina bloccata da tamponamento. Ora riaperta
Il traffico nella galleria era rimasto bloccato in entrambe le direzioni. Non ci dovrebbero essere feriti né danni ingenti
Locarnese
1 ora
Ascona, il sorpasso per il lungolago non divide la politica
La spesa maggiorata per Piazzale Torre non intacca la fiducia nell'esecutivo del Borgo: approvato in Cc il credito di 721mila franchi
Lugano
2 ore
LuganoDante, un hotel-ritrovo per la Città
Lo storico albergo di piazza Cioccaro è stato completamente rivoluzionato: una forte scommessa sul futuro
Mendrisiotto
3 ore
Il bagno-spiaggia di Arzo va recuperato. Ma come biopiscina
Un drappello di consiglieri comunali di Mendrisio lancia l'idea al Municipio, pronto a valorizzare l'antico stabilimento balneare
Luganese
7 ore
Campione d'Italia, venduto il primo gioiello di famiglia
È la villa di Bordighera la cui vendita fu bocciata nel dicembre 2019. Nulla da fare per il secondo, ricco immobile (la crisi del settore non aiuta)
Ticino
8 ore
Covid-19, cinque nuovi contagiati in Ticino
Il totale dei positivi al coronavirus registrati dall'inizio della pandemia sale così a 3'381. Nessuna nuova ospedalizzazione, nessun nuovo decesso.
Mendrisiotto
12 ore
'Le donne esistono e hanno un peso'
Françoise Gehring è la seconda donna che siede in Municipio a Mendrisio nello spazio di una legislatura. 'Un viatico per il 2021? Lo spero'
Ticino
13 ore
Quando la politica ticinese fa nomi e cognomi
Uno studio dell'Ustat sulla partecipazione elettorale racconta tante cose di come siamo e com'eravamo. Con un occhio all'anagrafe, ma non solo
Luganese
1 gior
Viganello, nessuna scemata responsabilità per l'omicida
L'esito della perizia parla chiaro: il 34enne che causò la morte di Matteo Cantoreggi era in grado di valutare il carattere illecito dei propri atti
Locarnese
1 gior
Locarno, il grande schermo per curare anche l'anima
Al via giovedì al Palacinema di Locarno la rassegna 'Torniamo al cinema!', organizzata in collaborazione con il Film Festival Diritti Umani e con l'Otello di Ascona
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile