laRegione
Michael Amendolia
Masila Lubis torna a vedere
Impact Journalism
24.06.17 - 08:210

Restituire la vista ai malati di cataratta costa meno di 70 franchi

Gresik (Giava Orientale) - Pensava di aver finito di vivere, Kasnan Wonidin, un contadino indonesiano, quando l'anno scorso iniziò a perdere la vista a causa della cataratta. All'età di 48 anni, originario di un villaggio agricolo della reggenza di Gresik, nella Giava Orientale, non solo era stato costretto ad abbandonare il suo lavoro, ma anche i suoi passatempi preferiti, come cacciare granchi e dar da mangiare alle capre.

"Non potevo andare in motocicletta e dovevo dipendere dagli altri perché mi portassero fuori. Vedevo tutto sfuocato, non avevo nemmeno il piacere di guardare la televisione a casa", racconta a 'The Straits Times'. Al costo di cinque milioni di rupie (369 franchi) per occhio, la chirurgia correttiva era ben oltre le sue possibilità. Come milioni di persone a basso reddito che soffrono di cataratta in un Paese di quasi 260 milioni, Wonidin non poteva far altro che prepararsi a diventare cieco.

E ha spiegato: "Ero così triste. Dove può un contadino povero come me trovare così tanti soldi?" L'Indonesia ha uno dei tassi di cecità più alti al mondo, e la cataratta è responsabile per più del 50 per cento dei casi, secondo quanto riportato sul sito web del Ministero della Salute.

L'accesso alle cure per gli occhi è limitato, specialmente nelle aree rurali, e una carenza di oftalmologi fa sì che solo 180 mila dei 250 mila indonesiani che ogni anno hanno bisogno di un'operazione di cataratta, la ottengono, si legge sul sito.

Il tormento di Kasnan si è dissipato lo scorso maggio, quando A New Vision, un'organizzazione non-profit con base a Singapore, gli ha effettuato gratuitamente un'operazione chirurgica che consiste in una piccola incisione, una procedura molto veloce con cui i medici hanno tagliato e sostituito le sue lenti naturali annebbiate con altre intraoculari nitide. Il costo per l'organizzazione è stato di poco meno di 70 franchi per occhio. Questa è la più economica tra le tre tecniche, tutte molto diffuse, utilizzate da chirurghi in tutto il mondo, ma sono pochi i medici locali capaci di svolgerla.

"La ferita è piccola e non ha bisogno di punti, quindi guarisce più facilmente ed è meno incline ad infettarsi. La qualità è paragonabile a quella della tecnica più costosa e avanzata, ma il costo è solo una frazione", dice uno dei co-fondatori dell'organizzazione, il chirurgo dell'occhio Sanduk Ruit, operatore umanitario nepalese di 62 anni. È il fondatore e direttore medico dell'Istituto di Oftalmologia Tilganga a Kathmandu.

Fondata nel 2010 da quattro amici che volevano "fare qualcosa di buono per i meno fortunati", A New Vision ha finora realizzato quasi 20mila interventi per le persone più povere delle zone rurali a Giava e a Sumatra, ha affermato una dei co-fondatori, Effi Jono, una contabile di 48 anni originaria dall'Indonesia. Gli altri sono l'imprenditore e filantropo di Singapore Tan Ching Koon e un assistente sociale indonesiano, Indra Wahidin.

Dopo aver raccolto 600 pazienti, sette anni fa, alla prima seduta chirurgica di massa a Medan, la capitale della Sumatra del Nord, hanno capito che non era possibile tornare indietro. Effi ricorda: "Non avevamo mai visto così tante persone non vedenti tutte insieme nello stesso posto. Alcuni dei pazienti erano ciechi da più di 10 anni".

Inorridito, il dottor Ruit ha aggiunto: "La situazione della cecità in Indonesia oggi è tanto grave quanto quella del Nepal 20 anni fa! Abbiamo acceso il fuoco, ora non possiamo fermarci".

Da allora, A New Vision ha organizzato 20 eventi su grande scala, ognuno dei quali ha raccolto tra i 600 e i tremila pazienti. I suoi volontari si coordinano con gli operatori e ufficiali sanitari locali per identificare le persone con i sintomi della cataratta e trasportarli dalle zone rurali in cui abitano fino agli ospedali.

All'organizzazione tipicamente servono 50mila dollari di Singapore (35mila franchi) per assistere 500 pazienti. I fondi sono arrivati da multinazionali, fondazioni e donatori privati. Ad ora, A New Vision rimarrà a Giava e Sumatra dove ha "a mala pena scalfito la superficie", ha affermato Effi.

L'organizzazione ha anche inviato in Nepal dottori e infermieri locali affinché migliorassero le proprie competenze, dalla realizzazione di operazioni chirurgiche specializzate all'assistenza e ai controlli post operatori. E sta raccogliendo fondi per costruire un centro oftalmico comunitario in Indonesia, a basso costo ma di qualità.

Un convinto sostenitore di A New Vision è il volontario dell'organizzazion, Teguh Filbert Metaputra, un chirurgo dell'occhio di 35 anni, che nel proprio tempo libero realizza operazioni di cataratta gratuite per i poveri di Gresik.

La mamma del dottor Teguh era diventata cieca da un occhio perché la sua famiglia non si poteva permettere il costo dell'intervento per curare la sua malattia della retina. "Fare questo è una vocazione per me”, fa notare Teguh. "Voglio solo aiutare, non c'è niente da perdere. Le cataratte si possono curare con un semplice intervento chirurgico", ha aggiunto.

I pazienti non possono che essere grati ai dottori perché donano il proprio tempo e le proprie capacità per fare la differenza nelle loro vite. Molti di quelli che hanno riconquistato la vista hanno "ricambiato il favore". Per esempio, da quando è stato operato con successo nel 2013, il fruttivendolo Slamet è andato di porta in porta nel suo villaggio della Giava Orientale a cercare nuovi pazienti. In aprile ha caricato sull'autobus alle 3 del mattino 27 dei suoi vicini non vedenti affinché si potessero sottoporre all'intervento.

"Conosco la gioia di tornare a vedere e voglio aiutare anche gli altri a vivere lo stesso. Non ho soldi, ma ho l'energia e l'entusiasmo per portarli qui", ha detto.

Per molte persone che soffrono di cataratta, il dono della vista significa non solo l'atto in sé di vedere, ma libertà e indipendenza.

Kasnan era spaventato dall’idea di un intervento chirurgico, ma ha approfittato comunque dell'opportunità. Mentre giaceva sul tavolo operatorio ha serrato le mandibole e stretto i pugni per calmare i propri nervi mentre il dottor Teguh rimuoveva la sua cataratta annebbiata.

"In realtà non si sente alcun dolore", ha detto al termine dell'operazione. E indicando una pezza sul suo occhio sinistro ha aggiunto: "Un occhio fatto, ne manca uno. Sono ancora spaventato ma la paura di diventare cieco è molto più forte".

Tags
pazienti
occhio
cataratta
costo
new vision
vista
vision
new
franchi
organizzazione
ULTIME NOTIZIE Archivio
© Regiopress, All rights reserved